SERATA PRESENTAZIONE SCUOLA DI NATUROPATIA

 

SERATA DI PRESENTAZIONE
“SCUOLA DI NATUROPATIA ☘️TESLA”

a LEGNANO (MI)
VENERDÌ 17 NOVEMBRE 2017 ore 21
✅ Ingresso Libero.

☘️ACCADEMIA DI NATUROPATIA TESLA✨
FINALMENTE APRE A LEGNANO (MI)
Per la preparazione del Vero Naturopata Certificato

Venerdì 17 novembre 2017 ore 21 al Centro ONIRIA
a Legnano (MI)
In via della Vittoria n.55

“Adesso PUOI finalmente realizzare il tuo sogno!”

A LEGNANO (MI) presso il CENTRO ONIRIA, verrà aperta una nuova sede della Scuola di Formazione per Naturopati e Operatori del Benessere dell’Accademia Olistica Tesla a partire da gennaio 2018.

Ti aspettiamo per la serata di presentazione VENERDÌ 17 NOVEMBRE 2017 alle ore 21

PRENOTA IL TUO POSTO PER LA SERATA DI PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA

TELEFONANDO AL 3931728452

OPPURE INVIANDO UNA MAIL: archivioprezioso@gmail.com  

Docenti, Materie, Serietà e Passione sono il nostro Impegno per la tua Crescita Personale!

Per informazioni: www.accademiaolisticatesla.it
Referente sede Legnano: Stefano Davide Sestito 393 1728452

 

 

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

I VACCINATI NON RISULTANO PROTETTI – emerge dagli esami anticorpali

Giungono sempre più segnalazioni di medici e genitori che hanno, rispettivamente, prescritto ed effettuato gli esami prevaccinali anticorpali ai bambini, con esiti inattesi (per alcuni): i vaccinati non hanno gli anticorpi!

Vaccinati con l’esavalente, e a tutti i relativi richiami, non hanno gli anticorpi contro Tetano, Pertosse ed Epatite B!

Ma d’altronde sono gli stessi produttori dei vaccini che con massima trasparenza lo scrivono non su documenti riservati ma direttamente sui fogli illustrativi di vaccini come questo, ad esempio.

Nel cratere sismico di umbria-marche-lazio-abruzzo, il SSN passa persino il viagra con l’esenzione del ticket, ma gli esami anticorpali prevaccinali no, quelli no!

Tante regioni si sono premurate di tempestare con circolari bizzarre (in contrasto con atti amministrativi superiori e persino con norme) ASL, medici di famiglia e pediatri nel NON prescriverli perché non necessari.

Gli ordini dei medici e pediatri, nazionali e provinciali, vanno in tv e giornali a propagandare (e a diramare circolari ai loro iscritti) che “non esiste nessuno studio scientifico che dimostri l’utilità degli esami anticorpali ai fini della prevenzione di reazioni avverse” (??!!!). Come dire? Che c… che diamine c’entra? Siamo un po’ andati fuori tema. Volutamente.

Tanti pediatri si stanno immolando alle circolari, esautorando, come al solito, la legge, negando la prescrizione degli esami anticorpali e subendone le relative denunce penali. Piangono come agnellini, loro, a causa di cattivi genitori che li hanno denunciati, genitori incuranti del fatto che se avessero accettato di prescriverli sarebbero stati licenziati (???). Ora, invece, con la denuncia penale per omissione d’atti d’Ufficio, saranno licenziati? Quanto meno radiati o sospesi, ci si auspica, visto che un dipendente pubblico non dovrebbe avere procedimenti penali pendenti o addirittura definitivi.

Eppure Epatite B, Haemophilus B, Parotite, Pertosse, Poliomelite, Rosolia (quelli che abbiamo reperito, ma medici segnalano anche la difterite e non sappiamo cos’altro ancora), possono essere contratte senza alcuna o con lieve sintomatologia (non lo diciamo noi ma www.salute.gov). Quindi come fare a sapere se i bambini hanno già contratto o meno la malattia contro la quale vorrebbero vaccinarlo? Semplice, con gli esami anticorpali, le IgG, per intenderci.

A tutto il personale sanitario che lavora in corsia (medici, infermieri, ecc.) nelle strutture ospedaliere e sanitarie vengono prescritti gli esami anticorpali (cioè il dosaggio dei titoli anticorpali) per accertarsi che siano immuni e che non contraggano, dai pazienti in corsia, malattie contagiose come Pertosse ed Epatite B. Altrimenti, in caso di contagio, le assicurazioni mediche NON PAGANO. Da qui altre segnalazioni di tirocinanti presso le strutture ospedaliere che avevano eseguito TUTTE le vaccinazioni e i richiami e che ciò malgrado NON RISULTANO IMMUNIZZATI!

Cioè il vaccino, a loro, non è servito, né servirà a nulla. In gergo medico sono definiti “non-responder“.

Anche ai migranti vengono prescritti (con piena esenzione ticket per giunta) gli esami anticorpali per evitare una loro inutile rivaccinazione.

Tutta questa cautela per la salute dei medici, degli infermieri e dei migranti. Ma di quella dei bambini non sembra fregare niente a nessuno.

Perché i pediatri si rifiutano, a costo di prendersi le denunce penali, di prescrivere gli esami anticorpali ai bambini?

PERCHE’?

Vuoi vedere che il motivo non è soltanto quello di evitare che i bambini non vaccinati li facciano e si scoprano già protetti ed immunizzati, ma soprattutto quello di evitare che comincino a farli ANCHE I BAMBINI VACCINATI che si scoprano NON PROTETTI? ….

👉🏻CONTINUA A👉🏻 LEGGERE 

 

Art. tratto da: http://www.liberascelta.eu/2017/09/24/scandalo-esami-anticorpali-i-bambini-vaccinati-non-risultano-protetti-segnalazioni-di-medici-e-genitori/

Posted in Senza categoria | Tagged , , , | Leave a comment

SCUOLA DI NATUROPATIA

“ACCADEMIA DI NATUROPATIA TESLA” 

Finalmente a Legnano (MI) apre la Scuola di NATUROPATIA Tesla da gennaio 2018… una scuola per diventare Operatore in Discipline Naturali e Olistiche. La vera formazione del Naturopata Certificato.

SONO APERTE LE ISCRIZIONI per l’anno accademico 2018.

ISCRIZIONI A NUMERO CHIUSO

ISCRIVITI ADESSO!

-chiusura iscrizioni 20 dicembre 2017-

La formazione del Naturopata prevede la frequenza del triennio attraverso la partecipazione a dodici incontri annuali, circa un incontro al mese per dieci mesi (luglio e agosto la scuola è chiusa).

Adesso puoi frequentare anche tu la Scuola di Naturopatia con soli €150 al mese (poco più di quattro euro al giorno) … puoi diventare un Vero Professionista, un Naturopata esperto, preparato e Certificato.

L’Accademia Tesla è composta dai migliori Docenti d’Italia, che mettono a disposizione degli allievi anni di esperienza e professionalità seguendo con attenzione e dedizione ogni studente. Infatti le classi sono a numero chiuso (trenta persone al massimo) così da poter essere seguiti attentamente e accompagnati passo per passo per tutto il percorso Accademico.

Per info e dettagli sul programma e per le iscrizioni contatta il referente di Legnano (MI) Stefano Davide al numero di tel. 3931728452 oppure dalla sezione “contatti”.

 

La scuola di Naturopata è a Legnano (MI) in via della Vittoria, a 200 mt dalla stazione ferroviaria e 500 mt dal centro città.

Legnano è una città comoda da raggiungere, servita da mezzi pubblici, si trova al “centro” delle città più grandi della Lombardia (dista a circa 30 km da Milano, 38 km da Varese, 41 km da Como, 40 km da Novara)… ti aspettiamo per realizzare insieme un sogno!

VIDEO DI PRESENTAZIONE 👇🏻

 

 

 

 

Accademia Olistica Tesla (www.accademiaolisticatesla.it)

 

 

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

VIDEO

👆🏻VIDEO 1 di 4

Ciao 😍
FINALMENTE VIENE TESTATA L’EFFICACIA DEI TRATTAMENTI “LUCE” CON LA TECNOLOGIA BIO-WELL…
In QUESTO VIDEO Straordinario (per i contenuti) si può apprezzare anche scientificamente la validità dei trattamenti eseguiti con diverse modalità e tecniche ✨
BUONA VISIONE 😊🙏😘

VIDEO 2 di 4👇🏻👇🏻👇🏻

 

VIDEO 3 di 4👇🏻

CLICCA QUI 👇🏻👇🏻👇🏻

Video 3 di 4 bio well GDV camera

.

VIDEO 4 di 4👇🏻

.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

POPOLO UNICO

COME LIBERARSI

(VIDEO COMPLETO)

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , , , , , | Leave a comment

GDV CAMERA / BIO-WELL TEST SULL’EFFICACIA DEI TRATTAMENTI LUCE

GDV CAMERA / BIO-WELL

 

ATTRAVERSO LA TECNOLOGIA SCIENTIFICA

OGGI ABBIAMO ULTERIORI CONFERME DELLE VARIAZIONI DEL CAMPO ENERGETICO E DELLA CONNESSIONE CON L’INTERO ORGANISMO

ABOUT BIO-WELL
Bio-Well è stato sviluppato da un team internazionale guidato dal Dr. Konstantin Korotkov… è la potente tecnologia nota come Gas Discharge Visualization, tecnica che permette di visualizzare lo stato generale della persona in modo più approfondito che mai.

Il prodotto è costituito da una telecamera desktop e software di accompagnamento, che consente all’utente di effettuare rapidamente e facilmente scansioni del campo energetico umano. (Completa di accessori utili per effettuare scansioni anche di ambienti.)

 

FINALMENTE VIENE TESTATA L’EFFICACIA DEI TRATTAMENTI LUCE 👉🏻GUARDA 👉🏻IL VIDEO👈🏻

 

LA TECNOLOGIA:
GDV TECNICA
Tecnica GDV è la registrazione e analisi delle emissioni elettro-fotonico di oggetti differenti, compreso biologici (in particolare le dita umane) risultante dal posizionamento dell’oggetto nel campo elettromagnetico ad alta intensità sulla lente dispositivo del computer.

Quando una scansione viene condotta, una debole corrente elettrica viene applicata alla punta delle dita per meno di un millisecondo. La risposta del soggetto a questo stimolo è la formazione di una variante di una “nuvola elettronica” composta da fotoni di energia luminosa. Il “glow” elettronica di questo scarico, che è invisibile all’occhio umano, viene catturato dal sistema di telecamere e poi tradotto e trasmesso di nuovo in rappresentazioni grafiche per mostrare l’energia, lo stress e le valutazioni della vitalità. Le immagini vengono quindi mappate ai diversi organi e sistemi del corpo, attingendo dai meridiani energetici cinesi.

 

SOFTWARE
L’immagine che creiamo con lo strumento Bio-Well si basa sulle idee della Medicina Tradizionale Cinese, verificate da 18 anni di esperienza clinica di centinaia di medici con molte migliaia di pazienti. Il processo di scansione è rapido, semplice e non intrusivo. Fatelo ogni giorno per ottenere i risultati migliori (!), ottenendo un feedback in tempo reale su quali fattori, positivi o negativi, influenzino il vostro stato energetico. Visualizzate ogni scansione in diversi modi interessanti, con fino a 7 opzioni di visualizzazione dei risultati. Con l’aggiunta del pacchetto accessorio BioWell accessory pack, potrete misurare anche l’energia degli ambienti e degli oggetti! Bio-Well non è uno strumento medico. Vi dà un’impressione del vostro Campo Energetico, permettendo di vedere la sua trasformazione giorno per giorno, l’influsso che diverse situazioni e stimoli esercitano su di esso e, di conseguenza, la vostra condizione. Un software facile da usare rende l’elaborazione dei dati semplice e conveniente anche per utenti non esperti. Con Bio-Well non c’è bisogno di essere uno scienziato per fare una ricerca scientifica in piena regola!

Per utilizzare il dispositivo Bio-Well è necessario effettuare una sottoscrizione. Mentre il dispositivo Bio-Well cattura le scansioni delle immagini, la sottoscrizione rappresenta, per così dire, il pane e burro del sistema, consentendo l’accesso al nostro complesso algoritmo che trasforma le scansioni delle vostre immagini in risultati davvero significativi. Potete registrare le immagini anche in modalità non in linea (off-line) e quando sarete in linea (on-line) otterrete tutte le informazioni. È possibile scegliere fra tre livelli di sottoscrizione, secondo le vostre esigenze.

 

ABOUT DR. KONSTANTIN KOROTKOV
Dr. Korotkov è un professore di fisica presso Russia San Pietroburgo Federal University Research. Lui è uno scienziato leader di fama internazionale per la sua ricerca pionieristica nel campo energetico umano. Professor Korotkov ha sviluppato la tecnica di visualizzazione scarico di gas, basata sull’effetto Kirlian nel 1995.

Per maggiori info e dettagli CLICCA QUI👇🏻👇🏻👇🏻 http://www.mecwolf.today/it-03-05-01-bio-well

 

IL 23 SETTEMBRE A LEGNANO (MI) PUOI SPERIMENTARE QUESTA STRAORDINARIA TECNOLOGIA

☞ISCRIVITI ADESSO!

LA TECNOLOGIA GDV

Il professor Konstantin Korotkov e i suoi collaboratori dell’Università Tecnica di San Pietroburgo, da oltre 15 anni, hanno approfondito lo studio biofisico della fotografia Kirlian.

L’effetto Kirlian si può riassumere come un’eccitazione elettrica dei gas diffusi sulla pelle umana che si manifesta visivamente come un effetto “corona”.

Il sistema GDV/EPC (Gas Discharge Visualisation/ Electro Photon Capture) è un mezzo importante di diagnostica energetica attraverso una speciale fotocamera digitale.

La macchina fotografica trasmette le informazioni a dei particolari software in grado di tramutarli in informazioni. Questi elaborano i risultati con calcoli matematico-fisici che analizzano lo stato funzionale e organico dell’organismo umano.

Lo stesso sistema può analizzare l’energia dei liquidi, come l’acqua, dei minerali, delle piante, dei cristalli e dell’aria.

Questo è il primo strumento che permette di visualizzare la distribuzione del campo energetico umano, e di renderlo facilmente riproducibile, stampabile e, non da ultimo, ottenibile a basso costo.

Sin dal 1998 la telecamera e il software GDV sono note in tutto il mondo. In Russia e Bielorussia il Ministero della Salute ha riconosciuto la tecnologia GDV e viene utilizzata ufficialmente in molti ospedali sia per le diagnosi che per la verifica dello stato delle terapie. Inoltre molte istituzioni scientifiche ed esperti in medicina convenzionale e alternativa di Australia, Gran Bretagna, Finlandia, India, Germania, Messico, Perù, USA e Russia beneficiano dei vantaggi di questa tecnologia. In due anni sono state distribuite centinaia di apparecchiature.

Si stanno sviluppando programmi di applicazione della tecnologia GDV in campo medico e sportivo con il beneplacito del Ministero della Salute russo. Importanti università mediche russe e centri di ricerca partecipano al programma.

TRATTO DAL SITO UFFICIALE ITALIANO DELLA GDV CAMERA – WWW.GDVCAMERA.IT

La tecnologia GDV si può riassumere come segue: per mezzo di uno speciale sistema di elettrodi, si crea un campo elettrico ad alta intensità intorno a un oggetto, producendo una scarica di gas la cui luminescenza può essere rilevata e misurata.

È una scarica che appare indipendentemente dal tipo di oggetto, e conseguentemente all’esperienza sperimentale si afferma che si può virtualmente far “splendere” ogni oggetto, compresi metalli, sassi, e piante; ogni organismo biologico modifica questo bagliore secondo le sue caratteristiche particolari, portando a cambiamenti nella luminosità, nella dimensione e nel colore.

La scarica rivela informazioni non registrabili con altre metodologie, informazioni di cui si può rilevare ogni più piccolo cambiamento. Fattori che contribuiscono a formare il bagliore emesso dall’oggetto sono le proprietà elettriche, come le caratteristiche di emissione dell’oggetto, l’evaporazione del gas, l’interscambio di energia con l’ambiente. Ogni tentativo di collegare il fenomeno ad altri fattori quali la sola traspirazione o la sola conducibilità, a seguito di analisi approfondite, si è rivelato inesatto.

Il metodo rivela inoltre le reazioni complesse di un organismo a influenze differenti, come l’assunzione di farmaci, il cibo ingerito, l’ambiente, la musica, emozioni, etc.

.

Dall’“impronta digitale energetica” delle dieci dita viene calcolato l’intero campo energetico da cui si evidenzieranno carenze o eccessi.

I dati calcolati vengono riportati su un diagramma che mostrerà graficamente la stato di salute attuale e fisiologico dei vari organi. Questo diagramma mostra lo stato di salute globale, il livello di attivazione del proprio sistema immunitario ed il livello di energia/stress. La tabella dettagliata con i valori numerici per ogni singolo organo ed i vari disequilibri.

Tutti i dati vengono poi riassunti in una rappresentazione grafica dei vari Chakra da cui si evidenziano gli eventuali disequilibri energetici. Le stampe così ottenute vengono interpretate da un operatore esperto che dà al cliente le linee guida sulle parti di se, fisiche ed emozionali, su cui concentrare l’attenzione ed i relativi lavori di guarigione, crescita e miglioramento.

Inoltre si possono comparare diversi elementi, oppure le variazioni dello stesso elemento sottoposto a diversi trattamenti. Ad esempio si possono misurare le differenze tra alimenti biologici e quelli provenienti dalla grande distribuzione oppure le qualità energetiche di oli o rimedi o i cambiamenti di stato di un liquido sottoposto a vari trattamenti (solarizzazione, preghiera, intenzioni positive, energizzazioni, etc.).

Grazie al sensore “SPUTNIK” è possibile misurare l’energia dell’ambiente e le sue variazioni. Ad esempio è possibile misurare le eventuali variazioni di energia durante una meditazione di gruppo o guarigioni oppure semplicemente misurando luoghi energeticamente importanti come chiese, templi, piramidi, ecc.

Il sistema EPC/GDV permette la registrazione e il filmato in tempo reale dell’energia umana, di altri organismi e materiali come l’acqua, il terreno, il sangue, le piante, i cristalli e altri. Il software analizza la quantità, la luminosità, la frattalità e altri parametri del campo energetico. Questi risultati hanno straordinarie implicazioni in molti campi quali la salute, gli studi sulla coscienza, sull’educazione e la spiritualità.

L’insegnamento e la ricerca con l’attrezzatura EPC/GDV sono attualmente in atto in università e istituti di tutto il mondo, per la medicina, la bionica, la para-psicologia, l’agricoltura, i programmi d’allenamento degli sportivi d’èlite e in altre aree

La strumentazione GDV permette di:

  1.   effettuare test dello stato fisico e psicologico – Il dispositivo bioelettrografico GDV consente di verificare lo stato di equilibrio ed omeostasi sia fisico che psicologico. La GDV ha il potenziale di essere utilizzata come uno strumento  completo ed estremamente potente, capace di mostrare i malfunzionamenti del corpo prima che si manifesti qualsiasi sintomo a livello fisico.
  2.   monitorare le risposte al trattamento – La GDV ci permette di valutare e quantificare la risposta di chiunque a qualsiasi trattamento. Una procedura tipica riguarda il registrare lo stato iniziale della persona e il suo stato dopo il trattamento. Si sarà in grado di vedere i cambiamenti sia dello stato emozionale che fisico.
  3.   valutare  il livello di stress fisiologico dell’individuo, oltre al suo stato di salute globale e funzionamento del suo sistema immunitario
  4.   stimare l’efficacia del trattamento – Registrando lo stato emozionale e organico dell’organismo umano durante determinati intervalli di tempo, dopo che è stato fatto un trattamento, è possibile valutare se il trattamento ha un effetto temporaneo o sistematico sullo stato umano.
  5.   paragonare tra loro le terapie – Il metodo GDV di valutazione dello stato emozionale e fisico dell’organismo umano permette di paragonare varie terapie e stimare la migliore terapia per qualsiasi persona e/o per qualsiasi condizione.
  6.   testare nuovi trattamenti – Visto che il bagliore elettrofotonico GDV sembra riflettere lo stato della coscienza umana, e non solo quella del corpo, è possibile stimare l’effetto di un nuovo trattamento PRIMA di applicarlo.
  7.   studiare la reazione individuale di una persona all’influenza della CAM (NdT CAM è un acronimo per Complementary/Alternative Medicine, ossia la Medicina Alternativa e Complementare ovvero medicina informazionale, energetica e fisica): tecniche orientali, luce, suono, ioni dell’aria, campo magnetico, ecc. Puoi controllare anche gli effetti delle influenze sottili come l’omeopatia, essenze floreali, gli oli essenziali e terapia delle onde, includendo le reazioni allergiche, sull’energia dell’individuo.
  8.   vedere l’impatto delle sessioni spirituali – come la meditazione, il Reiki, la preghiera, Yoga, il rilascio emozionale, e molte altre sul benessere fisico.

ECCO ALCUNI DEGLI ESPERIMENTI EFFETTUATI

CON LA GDV CAMERA

Esperimento n° 1 – Acqua “Solarizzata”

Obiettivo dell’Esperimento: Confrontare gli eventuali cambiamenti tra della normale acqua potabile e dell’acqua “solarizzata”

Soggetto 1: provetta d’acqua potabile

Soggetto 2: provetta della stessa acqua potabile, tenuta in bottiglia di vetro di colore blu scuro, al sole per circa un’ora. Tale processo è conosciuto come “solarizzazione dell’acqua”

Modalità: Vengono scattate 100 fotogrammi con la GDV CAMERA PRO di entrambe le provette e quindi messe a confronto.

TEST N° 1: AREA

Per iniziare vengono scattati 100 fotogrammi alle due provette con i due campioni di acqua. La GDV Camera ne cattura il campo energetico dovuto dall’emissione fotonica dei gas scaricati dal soggetto e ne crea una rappresentazione grafica.

Dalle foto è palese come l’acqua normale ha un’emissione energetica molto più ampia e disordinata di quella dell’acqua solarizzata. Nei diagrammi vediamo come l’area totale dei fotoni emessi dai campioni di acqua viene rappresentata graficamente, ed anche qui ci si rende conto del cambiamento notevole tra i due.

L’area totale del campo energetico rappresentata in un’alta modalità dove appare molto più chiaramente come l’acqua solarizzata (in blu) è notevolmente più bassa dell’acqua normale.

L’area totale dei fotoni emessi, rappresentata in un’altra modalità dove si vede nettamente l’enorme differenza.

In questo test viene calcolata l’entropia dei campioni che si potrebbe riassumere con il “disordine” degli stessi. Più l’entropia è alta più c’è disordine nelle molecole di acqua.

Anche in questo caso si comprende chiaramente che l’acqua normale è composta da molecole molto più “disordinate” dell’acqua solarizzata

 

 

ESPERIMENTO N° 2: INFLUENZA DEL CELLULARE SUL NOSTRO CAMPO ENERGETICO ED EMOTIVO

Obiettivo dell’Esperimento:

Confrontare gli eventuali cambiamenti tra un soggetto in buona salute che porta addosso un cellulare acceso e lo stesso senza il cellulare.

Soggetto 1: uomo in buona salute con un cellulare acceso addosso

Soggetto 2: stesso uomo senza cellulare

Modalità: Vengono catturate le immagini delle 10 dita del soggetto attraverso una GDV Camera che ne fotografa il campo bio-fotonico

TEST N° 1: AREA

E’ immediatamente riconoscibile la differenza del campo bio-energetico del soggetto con e senza cellulare.

Si nota nelle due immagini, il totale dell’area energetica, che passa da 13671 a 16891 nella foto frontale e la relativa simmetria che varia dal 58% a ben il 74%.

 

TEST N° 2: CHAKRA

In questo test è palese come i campi elettromagnetici dei cellulari possano influenzare anche il nostro equilibrio psico-emotivo evidenziato in questo caso dall’allineamento ed apertura dei chakra.

Nella prima immagine, che prende in considerazione il soggetto che indossa il cellulare, si possono notare  la posizione e la grandezza dei chakra, piccoli e spostati nella parte destra, molti dei quali addirittura al di fuori della zona “verde” che corrisponde ad una media ancora accettabile (le sfere “piene”). Mentre le circonferenze di colore azzurro mostrano come sono i chakra quando il soggetto non ha il cellulare addosso.

Nella seconda immagine la comparazione è invertita, quindi le sfere piene corrispondono allo stato psico-emotivo del soggetto senza cellulare, mentre le circonferenze rosse corrispondono alla posizione degli stessi con il cellulare addosso.

Esperimento n° 3: INFLUENZA DEI PENSIERI NEGATIVI SUL NOSTRO CAMPO ENERGETICO ED EMOTIVO

Obiettivo dell’Esperimento:

Confrontare gli eventuali cambiamenti in un soggetto in buona salute, in uno stato di tranquillità psico-fisica e dopo aver avuto dei pensieri negativi su se stesso.

Soggetto 1: donna in buona salute

Soggetto 2: operatore che genera lo stato negativo nel soggetto 1

Modalità: La donna ( soggetto 1) viene testata con la GDV Camera in un momento di relax mentale e fisico. Quindi l’operatore, all’insaputa della donna, attraverso discorsi e comportamenti induce la donna ad avere dei pensieri negativi su se stessa ( mancanza di attenzione, messa in secondo piano, mancata accettazione, mancato riconoscimento). Dopo mezz’ora circa la donna in evidente stato di chiusura e negatività viene nuovamente testata con la GDV.

TEST N° 1: AREA

Foto 2

Questo primo test mostra l’area del campo energetico nel primo test in cui la donna era in stato di tranquillità e dopo lo stato negativo. Nelle tre foto seguenti si nota come il campo energetico si riduce notevolmente a causa dei pensieri negativi.

Foto 1
Foto 3

In questo grafico riepilogativo si nota come la quantità di energia si è notevolmente abbassata sia nella parte frontale che nelle due laterali ( giallo in stato di relax – verde dopo i pensieri negativi )

 

 

 

 

TEST N° 2: DIAGRAMMA DELLO STATO DEGLI ORGANI INTERNI

In questo diagramma viene evidenziato lo stato di salute “istantaneo” dei vari organi interni. Questo “stato” è dovuto alla quantità di stress che la persona sta vivendo. Pensieri e stress diversi generano scompensi in organi diversi. Lo stato di equilibrio è nella zona verde, mentre in quella rossa c’è un disequilibrio. La linea Rossa mostra lo stato degli organi in nel momento di tranquillità, mentre quella in blu fa riferimento alla seconda cattura dopo i pensieri negativi.

Si nota come prima era tutti in equilibrio all’interno della zona verde e dopo i pensieri negativi molti organi sono andati in disequilibrio finendo nella zona rossa.

 

TEST N° 3: STATO GLOBALE

In questo test vengono evidenziati tre diversi stati.

Il primo chiamato “Integral area” corrisponde allo stato di salute globale, che si vede restare abbastanza stabile in quanto non influenzato da pensieri immediati.

Il secondo chiamato “Integral Entropy” fa riferimento alla capacità del corpo di far fronte a stress, malattie ed attacchi di qualunque genere. Qui si nota come nella seconda cattura sono aumentati i livelli in quanto deve far fronte ai danni che sta causando lo stress.

Il terzo chiamato “Activation Coefficient” possiamo intenderlo come il livello di energia che abbiamo in quel momento. Come al solito la zona verde è una media equilibrata, la rossa può intendersi come un momento di relax o meditazione, mentre la gialla è l’eccessivo stress. In questo test è palese come nella prima cattura la donna era in stato di relax con un valore di soli 0,72 mentre dopo i pensieri negativi lo stress sale fino a 7.

TEST N° 4: EQUILIBRIO EMOTIVO – CHAKRA

In questo test la GDV Camera ci mostra l’equilibrio dei vari punti energetici del soggetto prima e dopo aver provato i pensieri negativi. Nella prima immagine si vede lo stato dei Chakra della donna nello stato di relax (sfere piene) messe a confronto con i Chakra dopo aver avuto pensieri negativi.

Nella seconda immagine vengono invertiti i grafici, quindi le sfere piene corrispondono alla situazione DOPO i pensieri negativi e le sfere vuote alla situazione in stato di relax.

La differenza è impressionante! Si passa da un ottimo equilibrio ad un disequilibrio su quasi tutti i livelli. Da qui si può intuire anche la tipologia dei pensieri che il soggetto ha avuto.

Conclusioni: Da questo test possiamo facilmente comprendere come i pensieri negativi incidono anche sul nostro corpo fisico. Pensieri negativi reiterati nel tempo possono portare a vere e proprie patologie. Quindi teniamo sotto controllo cosa ci passa per la mente ed impariamo a non permettere ad eventi esterni di farci star male sia emotivamente che fisicamente.

Esperimento n° 7 – MISURAZIONE DELL’ENERGIA AMBIENTALE DURANTE TRATTAMENTI ENERGETICI / CERCHIO DI GUARIGIONE

In occasione del corso che ha tenuto in Italia Lynne Mc Taggart (giornalista ed autrice di best seller internazionali come “La scienza dell’Intenzione” e “Il campo del Punto Zero”) abbiamo avuto modo di essere presenti con la GDV CAMERA PRO e la speciale Antenna per misurare le variazione del Campo Energetico all’interno dell’ambiente.

La misurazione è stata effettuata durante tutta la sessione pomeridiana durata circa due ore ed i risultati sono stati affascinanti.

Sapevamo che ci sarebbe stato un particolare esercizio chiamato il “cerchio di guarigione” dove i partecipanti si sarebbero divisi in gruppi e si posizionavano in cerchio ed una persona, che aveva qualche malattia o disturbo fisico, si poneva al centro del cerchio.

Tutti i partecipanti inviavano quindi, mentalmente, intenzioni, immagini e pensieri di guarigione alla persona al centro.

Dalla misurazione si nota chiaramente come l’energia dell’ambiente inizia a crescere poco prima che i cerchi prendano forma, praticamente mentre Lynne spiega cosa si andrà a fare.

Interessante notare che dal momento dell’inizio del processo di invio di intenzione di guarigione la GDV rileva un picco di energia che sale ben oltre la media tenuta sino ad allora.

Si nota poi che, terminato l’esercizio, l’energia continua ad essere più alta della media iniziale oltre che a crescere leggermente.

Da questo test possiamo notare come i pensieri e le intenzioni e quindi le vibrazioni, inviate dalle nostre menti, influenzano il mondo circostante e vengono recepite sia dagli altri esseri umani che dalle apparecchiature come la GDV CAMERA.

Le persone che si trovavano al centro del cerchio, e quindi ricevevano, hanno mostrato segni di benessere ed, in alcuni casi, la scomparsa immediata del fastidio o disturbo che avevano prima.

 

TRATTO DAL SITO UFFICIALE ITALIANO DELLA GDV CAMERA – WWW.GDVCAMERA.IT

 

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

DISSETATI DI CONSAPEVOLEZZA

Buone vacanze

Posted in Senza categoria | Leave a comment

LA VERITÀ SUI VACCINI – LIBERTÀ DI CURA

LIBERTÀ DI CURA E PREVENZIONE

👉🏻CLICCA 👉🏻PER VEDERE IL VIDEO E LEGGERE  l’articolo di “POPOLO UNICO”

“Libertà di cura e di prevenzione”, la sezione di Popolo Unico, è stata creata a seguito della proposta lanciata dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin di portare da 4 a 12 le vaccinazioni obbligatorie in Italia.

Tale proposta ha immediatamente suscitato un interesse generale intorno all’argomento vaccini anche tra chi si è sempre fidato di demandare ciecamente la propria salute e quella dei propri figli agli organi preposti. Sono stati infatti numerosissimi i genitori che hanno risposto chiedendo approfondimenti sul tema anche in considerazione che una proposta di tale portata ha immediatamente fatto scattare dei sospetti che, come vedremo, sono più che fondati. Fidarsi ciecamente di queste istituzioni che continuano a favorire interessi estranei al benessere del popolo, incuranti dei rischi e degli effetti sulla vita economica, sociale e politica delle imprese e delle persone è un comportamento irresponsabile.

Tanto più irresponsabile quando si tratta di prendere delle decisioni sulla salute dei propri figli senza essersi minimamente documentati sui rischi ad essi correlati e sulle conseguenze possibili che tali effetti producono sul suo percorso di vita. Va subito detto che tutto ciò che oggi vuol essere fatto passare per bufala o con quel termine coniato che prende il nome di Fake News, è tutta documentazione proveniente da fonti scientifiche autorevoli che non è mai stata smentita pubblicamente e che riporta fedelmente studi approfonditi riguardanti la correlazione tra le pratiche vaccinali e l’insorgenza di effetti collaterali molto gravi. Il più delle volte si tratta persino di informazione proveniente dagli stessi organi di sorveglianza che smentiscono in modo inequivocabile dichiarazioni pubbliche che non corrispondono affatto al vero. E nel corso di questo percorso alla scoperta della verità non si soffermerà solamente sui danni da vaccino ma andremo a scoprire aspetti documentati che raggelano qualunque persona dotata di umanità.

Si precisa subito che Popolo Unico non è contrario per principio alle vaccinazioni in senso generale. Popolo Unico è contrario a questo tipo di vaccinazioni, nei metodi, nelle composizioni degli ingredienti, sull’inganno di una mancanza di vera e corretta informazione, sulla mancata divulgazione degli effettivi rischi accertati (se pur sottostimata) dagli stessi organi di controllo e sull’obbligatorietà di sottoporre qualsiasi individuo a questi trattamenti.

Tutto quello che seguirà non è frutto di pura fantasia ma il frutto di accertata documentazione proveniente da più fonti autorevoli che possono essere consultate da chiunque.

CLICCA QUI 👉🏻PER LEGGERE I BUGIARDINI VACCINI PEDIATRICI IN USO

.

Tratto dal sito: https://www.popolounico.org/vaccini

 

.

 

 

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Smontato un altro dogma sui vaccini

 

 

SMONTATO UN ALTRO DOGMA DEI VACCINI:

«NON ESISTONO studi comparativi sulla salute tra vaccinati e non».
Certo, come no!
CONDIVIDETE perché questo è a tutti gli effetti un signor studio comparativo pubblicato a MAGGIO 2017 da ricercatori americani.
Comparazione tra vaccinati e non vaccinati:
Lo studio di Mawson Homeschooled rivela chi è più malato.

 

Il Children’s Medical Safety Research Institute (CMSRI – Istituto di Ricerca sulla Sicurezza Medica) è una collaborazione medica e scientifica fondata per fornire finanziamenti di ricerca per studi indipendenti su fattori causali alla base della epidemia cronica e della disabilità. Celeste McGovern è un giornalista indipendente che scrive presso www.ghostshipmedia.com.

Un estratto dell’articolo.
Non è mai stato fatto prima. Il primo nel suo genere, lo studio di bambini vaccinati comparati a bambini non vaccinati americani “homeschooled” (ndr: potrebbe significare che non vanno a scuola, ma studiano a casa) mostra chi è veramente malato. I genitori dovrebbero essere preoccupati.
Anthony Mawson, un professore del Dipartimento di Epidemiologia e Biostatistica presso la Scuola di sanità pubblica, Jackson State University, insieme con i colleghi Azad Bhuiyan e Binu Jacob, ha collaborato con Brian D. Ray, presidente della National Institute Education Research in Salem, OR, di impegnarsi e iscrivere famiglie homeschooling per partecipare allo studio. In questo modo, homeschoolers sono stati confrontati con homeschoolers (mele con mele), ma con il vantaggio aggiunto che homeschoolers come una popolazione corrispondono ai profili di famiglie americane in generale. Le famiglie che hanno risposto al sondaggio online anonimi sono stati reclutati attraverso associazioni homeschooling in Florida, Louisiana, Mississippi e Oregon.
Ecco i risultati dello studio [pdf]
* I bambini vaccinati hanno tre volte in più la probabilità di di avere una diagnosi di spettro autistico rispetto ai bambini non vaccinati (OR 4.3)
* I bambini vaccinati hanno 30 volte in più la probabilità di avere una diagnosi di rinite allergica (febbre da fieno ) rispetto ai bambini non vaccinati
* I bambini vaccinati hanno 22 volte in più la probabilità di dover ricorrere a un farmaco contro le allergie rispetto ai bambini non vaccinati
* I bambini vaccinati hanno più che quadruplicato il rischio di avere una diagnosi di disabilità di apprendimento rispetto ai bambini non vaccinati (OR 5.2)
* I bambini vaccinati hanno il 300 per cento in più di probabilità di avere una diagnosi di  ADHD – Sindrome da deficit di attenzione e iperattività rispetto ai bambini non vaccinati (OR 4.3)
* I bambini vaccinati hanno il 340 per cento (OR 4.4) in più di probabilità di avere una diagnosi di polmonite rispetto ai bambini non vaccinati
* I bambini vaccinati hanno il 300 per cento in più di probabilità di avere una diagnosi di infezione a un orecchio rispetto ai bambini non vaccinati (OR 4,0)
* I bambini vaccinati hanno il 700 per cento in più di probabilità di subire un intervento chirurgico per inserire tubi di drenaggio nelle orecchie rispetto ai bambini non vaccinati (OR 8,01)
* I bambini vaccinati hanno 2,5 volte in più la probabilità di avere una diagnosi di una qualsiasi malattia cronica rispetto ai bambini non vaccinati
* … altri (vedi articolo originale in lingua inglese).

 

Bill Gates ammette:
«I vaccini servono per diminuire la popolazione».
lospecchiodelpensiero / dicembre 15, 2016
Si sa che fra i complottisti gira l’idea che esistano dei “mondialisti” cattivi cattivi che, fra i loro scopi, hanno quello (udite udite!) di ridurre la popolazione mondiale.
E il motivo sarebbe semplice: questi cattivoni hanno tutto: denaro, potere, controllo dell’informazione, ecc, tranne una cosa: i numeri. Sono molto pochi, in confronto agli altri, che sono enormemente di più. E allora? Allora l’idea sarebbe quella di ridurre la popolazione mondiale, tramite guerre, carestie, terremoti, inquinamento, vaccini (vaccini? Sì, vaccini!) pessima alimentazione, ecc.
Chissà se è vero. Però è divertente vedere Bill Gates (sì proprio lui, il sig.Windows) che dice, testualmente, che per ridurre le emissioni di CO2 causato dall’uomo bisogna agire sui fattori che lo producono:
* numero di persone,
* quantità di consumi che queste persone fanno,
* energia unitaria per consumo.

 

Bill Gates SHOCK: RIDUZIONE DELLA POPOLAZIONE

Insomma, un approccio matematico. E analizzando le singole voci, partendo dalla eccessiva presenza di esseri umani (questo bestiame ingombrante, ma perchè sono così tanti?) dice testualmente: «Lavorando bene, con i servizi sanitari, la contraccezione e i vaccini potremmo forse ridurre la popolazione del 10-15%».
Ma come? La sanità e i vaccini servono per diminuire la popolazione? Avrò capito male? … No, no, l’ha proprio detto, c’è il video su youtube che lo documenta!

 

Vaccinazione, il killer silenzioso … la storia si ripete
Abbiamo barattato orecchioni e morbillo contro cancro e leucemia

CLICCA QUI per leggere l’articolo

 

 

Vaccinated vs. Unvaccinated:
Mawson Homeschooled Study Reveals Who is Sicker
POSTED BY CELESTE MCGOVERN ON MAY 4, 2017 4:30:44 PM
http://www.cmsri.org/wp-content/uploads/2017/05/MawsonStudyHealthOutcomes5.8.2017.pdf
The Children’s Medical Safety Research Institute (CMSRI) is a medical and scientific collaborative established to provide research funding for independent studies on causal factors underlying the chronic disease and disability epidemic.
Celeste McGovern is an independent journalist who writes at www.ghostshipmedia.com.
It’s never been done before. The first-of-its-kind study of vaccinated vs. unvaccinated American homeschooled children shows who is really ailing…and parents should be worried.
Something is wrong with America’s children. They are sick – allergic, asthmatic, anxious, autoimmune, autistic, hyperactive, distracted and learning disabled. Thirty-two million American children – a full 43% of them – suffer from at least one of 20 chronic illnesses not including obesity. Across the board, once rare pediatric disorders from autism and ADD to Type 1 diabetes and Tourette’s syndrome are soaring, though few studies pool the data. Compared to their parents, children today are four times more likely to have a chronic illness. And while their grandparents might never have swallowed a pill as children, the current generation of kids is a pharmaceutical sales rep’s dream come true: More than one million American children under five years old takes a psychiatric drug. More than 8.3 million kids under 17 have consumed psychiatric drugs, and in any given month one in four is taking at least one prescription drug for something.
Fast food, bad genes, too much TV, video games, pesticides, plastics – name the environmental factor and it has been implicated in the surge of sickness, although none adequately explains the scale or scope of the epidemic. There is one exposure, however, that has evaded the search, despite that children have received it by direct injection in steadily accumulating doses far beyond anything past generations ever saw: 50 doses of 14 vaccines by age six, 69 doses of 16 pharmaceutical vaccines containing powerfully immune-altering ingredients by age 18.
We’re assured vaccines are “safe and effective” even though public health officials acknowledge they sometimes have serious side-effects including death and despite the troubling fact that no long-term study of their effects on overall health has ever been conducted.  Remarkably, not a single published study has ever compared vaccinated kids to unvaccinated kids to see who is healthier years after the shots. Until now.
A pilot study of 666 homeschooled six to 12-year-olds from four American states published on April 27th in the Journal of Translational Sciences, compared 261 unvaccinated children with 405 partially or fully vaccinated children, and assessed their overall health based on their mothers’ reports of vaccinations and physician-diagnosed illnesses. What it found about increases in immune-mediated diseases like allergies and neurodevelopmental diseases including autism, should make all parents think twice before they ever vaccinate again:
* accinated children were more than three times as likely to be diagnosed on the Autism Spectrum (OR 4.3)
* accinated children were 30-fold more likely to be diagnosed with allergic rhinitis (hay fever) than non-vaccinated children
* Vaccinated children were 22-fold more likely to require an allergy medication than unvaccinated children
* Vaccinated children had more than quadruple the risk of being diagnosed with a learning disability than unvaccinated children (OR 5.2)
* Vaccinated children were 300 percent more likely to be diagnosed with Attention Deficit Hyperactivity Disorder than unvaccinated children (OR 4.3)
* Vaccinated children were 340 percent (OR 4.4) more likely to have been diagnosed with pneumonia than unvaccinated children
* Vaccinated children were 300 percent more likely to be diagnosed with an ear infection than unvaccinated children (OR 4.0)
* Vaccinated children were 700 percent more likely to have surgery to insert ear drainage tubes than unvaccinated children (OR 8.01)
* Vaccinated children were 2.5-fold more likely to be diagnosed with any chronic illness than unvaccinated children.
Homeschooler vs. homeschooler
The trouble with doing a vaccinated vs. unvaccinated study a century or so after it should have been done is that virtually all American children are vaccinated today. When 95 percent of children get injections, there are few ‘controls’ left for studying long-term outcomes. Comparing American children at large to small pockets of unvaccinated children like those in the Amish community is revealing, but critics say they are comparing apples to oranges. There are too many other variables — diet, fresh air, computer time, for example – that might explain differences in health besides vaccination status.
So, Anthony Mawson, a professor in the Department of Epidemiology and Biostatistics in the School of Public Health, Jackson State University, along with colleagues Azad Bhuiyan and Binu Jacob, collaborated with Brian D. Ray, president of the National Home Education Research Institute in Salem, OR, to engage and enrol homeschooling families to participate in the study. In this way, homeschoolers were compared to homeschoolers (apples to apples), but with the added advantage that homeschoolers as a population match the profiles of American families at large. The families who responded to the anonymous online survey were recruited through homeschooling associations in Florida, Louisiana, Mississippi and Oregon.
The disease trade
Both vaccinated and unvaccinated children in the study got sick sometimes. As expected, vaccinated children were less likely to have some infections they were vaccinated against: they were 71% less likely to have had chickenpox (Odds Ratio = 0.26), 75% less likely to have had whooping cough (pertussis) (OR = 0.3), and 87% less likely to have had a rubella infection (OR = 0.1) (see Table 2) -.
However, in spite of public health hysteria over outbreaks of measles at Disneyland and mumps resurgence, there was no evidence that vaccinated children were any more protected against these so-called “vaccine-preventable diseases”. Children in both groups had about the same rates of infection with measles, mumps, Hepatitis A and B, influenza, rotavirus and meningitis (both viral and bacterial).
Unvaccinated children in the study were actually better protected against some “vaccine-preventable diseases” than children who got the shots. Since 2000, the CDC has recommended four shots against seven different strains of pneumococcal infections before age 15 months (13 strains since 2010), but vaccinated children in the study were 340 percent more likely to have been diagnosed with pneumonia compared to unvaccinated children (OR = 4.4).
Brain drain
So, what is the cost for this weak vaccine protection against chickenpox, pertussis and rubella?
The link between autism and vaccination is the biggest tornado in the vaccine storm. Autism has soared from a rare disorder to something affecting a child in every other classroom: in the 80s, it struck one in 10,000 children, by the early 1990s, one in 2,500. Five years ago it was one in 88 children was diagnosed as autistic and today it is one in 68.
In the homeschooler study, the risk of being diagnosed on the autism spectrum was more than four-fold higher among vaccinated children than unvaccinated children (OR 4.3).
“We do not know all of the causes of ASD,” the Centers for Disease Control says– which avoids saying they haven’t identified any cause for it. Or any treatment.
They still quote a 2004 Pediatrics study claiming to refute a link between autism and vaccines even though one of its authors, their own top scientist William Thompson, has admitted that he and his colleagues colluded to obscure and then shred data (he kept copies) which showed a link between autism and the MMR vaccine. “Oh my God, I can’t believe we did what we did,” Thompson confessed in one taped telephone chat to Brian Hooker, a bioengineer professor at Simpson University and the father of an autistic child.
The Thompson whistleblower case is the basis of the 2016 documentary Vaxxed: From Cover-Up to Catastrophe by Andrew Wakefield, the gastroenterologist who was among the first to suggest a link the MMR vaccine and autism  in the late ‘90s, and who has become a symbol of how the system deals with dissenters. It’s the film the CDC does not want anyone to see.
The CDC also fails to mention that the federal government has been forced to acknowledge vaccination’s role in inducing autism and has awarded compensation to some parents of damaged children. Other courts have recognized the connection between autism and vaccination too. Besides that, there are the thousands of parents  the courts and federal government pretend don’t exist who all tell the same story over and over again: that they watched their children regress into autism following vaccination.
Brain and nervous system damage from vaccines is nothing new. Crippling and potentially blinding Acute Disseminated Encephalomyelitis, for example, (which causes MRI-visible white spots on the brain and can progress to multiple sclerosis,) has been described in the medical literature for decades and is a documented side effect for virtually every vaccine. Narcolepsy and Guillain Barré Syndrome are other examples.
So, what role might vaccines have in subtler brain damage? Don’t ask the CDC because they’ve never looked. But the JSU study found the odds for vaccinated children having a learning disability was five-fold that of unvaccinated children (OR = 5.2), four-fold for Attention Deficit Hyperactivity Disorder (ADHD) (OR = 4.3) and more than three-fold for any neurodevelopmental disorder (i.e., impairment of growth and development of the brain or central nervous system associated with a diagnosis of Learning Disability, ADHD or ASD) (OR = 3.67).
Mercury, aluminum and what else?
Vaccine ingredients are known to cause brain damage. Robert Kennedy Jr. has been highlighting the dangers of mercury as thimerosal used as a preservative in vaccines and its relationship to autism.
Aluminium is another well-documented neurotoxin added to vaccines as an adjuvant to evoke an immune system response.  Recent research has thrown everything scientists used to say about it (and the CDC still does) in the bin: aluminum is not excreted from the body within hours or days, but it persists for years and can migrate to organs including lymph, spleen and brain. Aluminum in vaccines has been implicated in Chronic Fatigue Syndrome, Macrophagic Myofasciitis in numerous autoimmune diseases, Alzheimer’s disease, in sudden deaths following vaccination and in autism.
The FDA does not deny its toxicity – just that there is enough aluminum toxin in vaccines to cause harm. But it calculates risk based on oral exposure. Even so it describes memory impairment in lab mice and “very young animals [which] appeared weaker and less active [and] less coordinated when their mothers were exposed to large amounts of aluminum during pregnancy and while nursing”.
Injected exposure can hardly be safer.  “It should be obvious that the route of exposure which bypasses the protective barriers of the gastrointestinal tract and/or the skin will likely require a much lower dose to produce a toxic outcome,” says a 2014 review implicating aluminium in the autism epidemic.
Besides toxic metals like aluminum and mercury, vaccines may contain contaminants from DNA from human aborted fetus cells, animal DNA and retroviruses and a host of debris and metal contaminants that are not measured by oversight agencies and whose health effects have never been studied.
The ear infection connection
Vaccinated children in the study were four-fold more likely than unvaccinated children in the study to have had a doctor-diagnosed ear infection (OR4.0), and they were 700% as likely to have had surgery to implant ear tubes for repeat or persistent infections. (OR 8.01)
Acute ear infections have increased worldwide in recent decades and are so common they are almost unremarkable now; they affect 80% of American children by age three and are the leading reason for child doctor visits, antibiotic use and the number one pediatric surgical procedure –insertion of plastic tubes in the ears. Childhood ear infections cost the health care system almost three billion dollars a year.
The study points to reports of middle ear infection filed with the government’s Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS). A VAERS database search for children younger than one year of age who developed otitis media within one week of vaccination revealed 438,573 cases reported between 1990 and 2011, “often with fever and other signs and symptoms of inflammation and central nervous system involvement.” If that was the reported number for children under a year old within one week, how many children of all ages get common ear infections following vaccination? No one knows.
Messed up microbiomes
As a possible mechanism for vaccine-induced ear infection, study authors Mawson and colleagues cite a 2006 study that looked at the types of bacteria in the nasal passages of children immunized with pneumococcal vaccine vs. “historical control”  – kids from the prePCV-7 era — and found an increased colonization of a bacteria called M. catarrhalis in the vaccinated group. M. catarrhalis, it turns out, is associated with an increased risk of ear infection.
No surprise then that vaccinated children in the study were over two-fold more likely to have taken antibiotics (OR 2.7). They were also hospitalized more often (OR 1.8).
Broad spectrum antibiotics like those frequently used for ear infections are like napalm on the microbiome — they may wipe out bugs that cause ear infections but they affect many other microbes as well, shifting microbiome composition in ways that science is only beginning to understand how profoundly this impacts health. New research links microbiome shifts to a growing list of diseases from irritable bowel syndrome, obesity,  Crohn’s disease, diabetes and multiple sclerosis to mood disorders such as anxiety and depression, mental illnesses such as schizophrenia and  autism.
In a 2011 Lancet study, Danish researchers concluded the pneumococcal vaccine had a “much broader effect…on the microbial community than currently assumed, and highlights the need for careful monitoring when implementing vaccines…”.
Another recent study found it isn’t just pneumococcal bugs that are affected, but several unexpected types of infectious bugs rush in to colonize where vaccines have been. What is the net effect of 69 vaccines on a developing child’s microbiome? Public health officials haven’t even asked the question.
Wheezy and itchy
The JSU study shows that vaccinated children’s risk of being diagnosed with allergic rhinitis (hay fever) was 30-fold higher than that of unvaccinated children (OR == 30.1), which exceeds the strength of the association between smoking and lung cancer. They also had a higher odds of overall allergies (OR = 3.9), and three-fold higher odds of getting eczema. (OR = 3.1).
All this allergic disease was leading to more medication. The vaccinated children in the study were 22-fold more likely to have taken allergy medicine than the unvaccinated.
Allergic rhinitis (hay fever) is another one of those current inexplicably soaring pediatric plagues; in 2012, it affected 6.6 million children. It is strongly associated with another spiking childhood disorder, asthma. More than three million American kids have a food allergy and one in four children have eczema. Worldwide, allergies have been increasing and they now affect almost half of all American school kids.
As with autism, public health has no answers to explain the explosion of immune-mediated allergic disease. But researchers routinely create animal models of allergic disease by exposing them to aluminum adjuvants – the sort used in vaccines – at the same time as allergens. Recent experiments (here , here and here, for example) describe how scientists use aluminum to stimulate allergic rhinitis (hay fever) in mice.
This 2014 study describes how researchers used aluminum hydroxide bound to a bordetella pertussis  (that’s whooping cough bacteria in every child’s two, four, six and 18-month DTaP which also contains aluminum) and exposed the animal to an oral antigen (ie., food, like peanuts or soya)  to produce rats with food allergies.
Studies like these (here and here) describe how aluminum hydroxide linked to egg white protein (another vaccine ingredient) is used to create animal models of asthma.
So how does the CDC fail to consider if the very thing scientists are using to create allergic disease in animals is also creating allergic disease in children?
No explanation?
“There was no explanation for the differences in health outcomes observed between the vaccinated and unvaccinated groups of children other than vaccination itself,” the study’s authors concluded.  Although the design of the study limits causal interpretation, they added, there is an apparent dose-response relationship between vaccination and chronic illness too, with the partially vaccinated showing intermediate odds of being diagnosed with chickenpox and whooping cough as well as ear infection, pneumonia, allergic rhinitis, ADHD, eczema, and learning disability (see Table 4).
“The extent to which these findings apply to the population of homeschooled children as well as the general population awaits further research on vaccinated and unvaccinated children,” Mawson and colleagues say. “Investigating and understanding the biological basis of these unexpected nonspecific outcomes of vaccination is essential for ensuring evidence-based vaccine policies and decisions”.
There is little evidence, however, that the mainstream medical establishment has any interest in understanding unexpected outcomes. Its message is clear: vaccines are modern medicine’s greatest miracle, an intervention that has saved millions of lives and improved quality of life for millions more. The fine print, acknowledged since vaccines began, is that a few children will suffer serious consequences from vaccines, including death, but their lives are a small sacrifice for the greater good of protecting of humanity from plagues of infectious disease.
For more than a century it has been accepted public health dogma that vaccine benefits outweigh risks. What’s more, with the introduction of five new vaccines since 1995 bringing the total inoculations to 35 by kindergarten age, studies of the combined effect of vaccines have never been done. The reality is: real vaccine benefits are theoretical and real vaccine risks are unknown.
The emerging “vaccine war” is really just growing numbers of “hesitant” parents (and health practitioners) questioning the CDC vaccine schedule for good reasons: Why are doctors who profit from vaccines the spokesmen for public health? Can government health agencies really be trusted to protect our children when they are so wedded to the pharmaceutical industry?  Why are toxins in vaccines? Does my kid really need this vaccine or is somebody selling it, like Coca Cola and video games? Why is it acceptable to knowingly sacrifice some children for the greater good? Is that greater good real or is it a mirage?
That vaccines may sometimes curb natural infections like chickenpox sometimes appears to be the case. What’s not been answered is the cost? What else do vaccines do? And if they are such a miracle, then why are American kids so sick?
This pilot study shows us that if mainstream medicine and our public health agencies are really interested in children’s health, not just vaccine profits or defending vaccine religion against blasphemy, what is needed is not the will to make everyone believe, but the courage to find out.
Fonte (english)

 

SCARICA LO STUDIO IN LINGUA INGLESE (,pdf) [LINK]
Mi scuso per la traduzione automatica, spero che si comprenda bene lo stesso.

 

 

Vaccinazione, il killer silenzioso … la storia si ripete
Abbiamo barattato orecchioni e morbillo contro cancro e leucemia

CLICCA QUI per leggere l’articolo

 

 

 

Posted in Senza categoria | Tagged , | Leave a comment

CONDIVISIONI E TESTIMONIANZE

Condivisioni sui Seminari:

“PRIMO – SECONDO – TERZO LIVELLO REIKI UNIVERSALE LUCE”

– “IL SOLE ☀️ QUANTICO LUCE✨” 

-“CRISTALLO 💎TERAPIA LUCE”  –  “IL DIAMANTE” –  “FELICEMENTE CONSAPEVOLI… DI ESSERE (GENITORI)” 

 

Alcune condivisioni dei partecipanti al Primo Livello Reiki Universalereiki primo livellotenuto a LEGNANO (MI) a  ottobre e dicembre 2015 e a gennaio 2016.

“Una delle esperienze più profonde e importanti della mia vita. Ho finalmente aperto gli occhi: non sono più cieco! Grazie di cuore.”                                    Raffaele Mermina – Rescaldina (MI)

“La sensazione è stata quella di sentirmi un Riccio che si è appena svegliato dal suo lungo riposo chiamato Letargo… Subito dopo è arrivata la consapevolezza di essere una Donna e non un Riccio 😉”                Giusy Pecoraro – Solbiate Olona (VA) 

CONTINUA A LEGGERE ☞ LE CONDIVISIONI E TESTIMONIANZE DI CHI HA PARTECIPATO AL “PRIMO LIVELLO REIKI UNIVERSALE LUCE” REIKI UNIVERSALE 1'LIV OTTOBRE

 

 


Condivisioni sul Seminario: “SECONDO LIVELLO REIKI UNIVERSALE LUCE” 

Alcune condivisioni dei partecipanti al Secondo Livello Reiki Universale,
tenuto a LEGNANO (MI) a novembre 2015 e gennaio 2016SECONDO LIVELLO REIKI UNIVERSALE LUCE

“Questo corso di Secondo Livello Reiki è stata un’esperienza integrante alla prima e molto significativa, che mi ha arricchita a livello evolutivo e percettivo, ne sono felice e consiglio a tutti questa esperienza.”          Adriana Murace – Busto Arsizio (VA)

“Questa esperienza mi ha dato quello di cui avevo bisogno, nuove tecniche da sperimentare che mi permetteranno da subito di aiutare gli altri e che mi porteranno al Terzo livello. Grazie Davide.”               Antonella Ruggiero – Bollate (MI) 

“Avevo apprezzato molto il Primo Livello, e riconfermo per questa esperienza del Secondo.  Le tecniche di questo livello le sento più mie, soprattutto i trattamenti a distanza. Durante l’iniziazione due entità mi sono state più vicine del solito….

CONTINUA A LEGGERE☞ LE CONDIVISIONI E TESTIMONIANZE DI CHI HA PARTECIPATO AL “SECONDO LIVELLO REIKI FOTO ALLIEVI 2'LIV REIKI LEGNANO - MIUNIVERSALE LUCE” 

 

 


 

Condivisioni sul Seminario: “CRISTALLO TERAPIA LUCE” 

ALCUNE CONDIVISIONI E TESTIMONIANZE DI HA PARTECIPATO AL SEMINARIO
“CRISTALLOTERAPIA LUCE” DEL 13 FEBBRAIO 2016

SEMINARIO CRISTALLOTERAPIA LEGNANO - MI

“Esperienza fantastica, come sempre è un piacere conoscere nuove discipline, soprattutto con un compagno di viaggio come Stefano Davide, dotato di un’infinita pazienza e di una gioia immensa per tutto quello che fa! Grazie!”          Giulia Marta Scaglia – Malnate (VA)

“Quando la coscienza si espande tutto diventa meraviglioso! Esperienza molto costruttiva. Grazie!”         Antonella Sibella – Lecco

“Una nuova ed entusiasmante esperienza. Ho appreso nuove tecniche di guarigione. Grazie!”       Adriano Rossini – Nerviano (MI) 

CONTINUA A LEGGERE ☞ LE CONDIVISIONI E TESTIMONIANZE DI CHI HA PARTECIPATO AL “SEMINARIO CRISTALLOTERAPIA LUCE” 


 

Condivisioni sul Seminario: “TERZO LIVELLO REIKI UNIVERSALE LUCE” 

Alcune condivisioni dei partecipanti al  Terzo Livello Reiki Universale,
tenuto a LEGNANO (MI) a gennaio e a giugno 2016 terzo livello reiki universale

 

“Stupendo. Un completamento di un percorso dove ho trovato una consapevolezza di me stessa e di quello che posso dare agli altri. Acquisizione di tecniche stupende ed emozionanti. Sono molto soddisfatta! È un percorso da consigliare a tutti.”          Paola Puricelli – Busto Arsizio (VA)

“Esperienza unica! Consapevole di esservi evoluto e di aver acquisito dei mezzi straordinari per trasmettere “Amore”. Sono felice di essermi causato tutta questa esperienza che mi ha portato a un “piano superiore” della mia esistenza. Grazie!”               Raffaele Mermina – Rescaldina (MI) 

CONTINUA A LEGGERE LE CONDIVISIONI E TESTIMONIANZE DI CHI HA PARTECIPATO AL “TERZO LIVELLO REIKI 
UNIVERSALE LUCE” 

foto operatori terzo livello reiki

 

 

 


 

Condivisioni sul Seminario: “IL SOLE ☀️ QUANTICO ✨ LUCE”

“Ho partecipato al seminario il sole quantico a ottobre dell’anno scorso e da allora quasi ogni giorno uso questo strumento per migliorare lo stato di salute mio o di altri, per ottenere un sonno migliore, per proteggere, o per caricare me o altre persone di qualità positive.

Il seminario è stato molto interessante, Davide ci ha fornito basi teoriche di fisica quantica… per poi passare alla pratica, che ha occupato la maggior parte del corso.

Abbiamo sperimentato la visione di una vita passata, e la pratica a coppie. Visto l’energia del compagno, visualizzato i blocchi e fatto il trattamento.

I trattamenti sono molto rapidi e danno risultati visibili. Io sono stata molto bene durante il corso… entusiasta delle tecniche proposte.
☀️
Trovo il sole quantico uno strumento molto utile… lo uso quasi ogni sera per proteggere mio figlio nel sonno e donargli un sonno profondo e sereno.

Quando c’è qualche malessere lo uso per risolvere la situazione in tempi rapidi.


Durante il seminario inoltre abbiamo donato e ricevuto il carisma del diamante. Per me è stata un’esperienza indimenticabile. .. che ho condiviso con un’altra anima e mi ha commossa molto.

Davide è un’ ottima guida, sempre chiaro, disponibile, entusiasta, che stimola sempre a provare, a sperimentare da sé. Grazie! ”

Arianna Re Depaolini – Parabiago (MI)

 

👉🏻CONTINUA A LEGGERE … 👈🏻

 .

 


Condivisioni sull’Evento Gratuito: “IL DIAMANTE” 

Alcune condivisioni dei partecipanti al “Diamante” tenuto a Legnano (MI), l’08 novembre 2014, che ha riscontrato nuovamente GRANDE SUCCESSO e soddisfazione di tutti i partecipanti.

“Esperienza molto interessante. Il corso mi è piaciuto e sono stata soddisfatta. Grazie.”          Laura Cianferoni – Naturopata- Busto Arsizio (VA)

“Il corso ha soddisfatto molto le mie aspettative. Esperienza positiva. Sono venuto per curiosità ma mi sono accorto di star bene fisicamente e mentalmente. Grazie.”                  Marco Fusaro, Castano Primo (VA)

“E’ stata un’esperienza piacevole che si basa sui contenuti e punta sulla pratica. Si, il corso ha soddisfatto le mie aspettative.”                Roberto Pace, Canegrate (MI)

“Esperienza positiva, serena. Semplici esercizi/giochi per rendere consapevoli dell’esistenza dell’energia e dell’uso che se ne può fare.”         Susanna Vedovato, Busto Arsizio (VA)

“Esperienza positiva, fiduciosa, emozionale, “di APERTURA”, di aiuto per se stessi e per gli altri. Sono molto soddisfatta. Grazie!”         Alessandra Bernini, Gallarate (VA)

      “Esperienza nuova ma molto positiva. Sono stata bene e mi sono sentita protetta, serena, quasi coccolata. Sono molto soddisfatta del corso.”                  Catia Lorenzo, Canegrate (MI)

” Esperienza fantastica, rilassante… la mia prima volta. Mi sento serena, molto soddisfatta.”      Patrizia Sconfienza, Castano Primo (VA)

“Sono molto soddisfatta del corso. Nonostante fosse la mia prima esperienza mi sono sentita a mio agio, molto bene. Ho ritrovato una serenità interiore riuscendo ad allontanare pensieri e preoccupazioni. Spero di ricevere informazioni su altri corsi.”                  Mara Verzeni, Parabiago (MI).

 

“Il Diamante” soddisfa i partecipanti oltre le aspettative anche nelle ultime edizioni in Toscana!

l’11 ottobre 2014 a MASSA CARRARA (MS)  e il 22 agosto 2014 a MARINA DI CARRARA (MS). Alcune condivisioni:

“La cosa che mi ha colpito dell’esperienza è stata la prova Kinesiologica dopo la creazione di un campo di forza. Dal punto di vista personale, l’attivazione del Carisma ha sollecitato la gola che è uno dei miei punti critici.”      Francesca Caputo, Carrara (MS)

“Esperienza positiva, avrei bisogno di più tempo per descrivere e poter definire in che modo è stata positiva. Ma lo è stata senz’altro!”            Roberto Trombella, Massa Carrara

“Interessante confronto su temi a cui dedico molta attenzione. Ho  apprezzato molto la “pulizia” energetica di Davide. Il corso ha soddisfatto le mie aspettative.”     Miriam Radaelli, Marina di Massa (MS)

 

 “Il Diamante” tenuto a Legnano (MI), il 12 gennaio 2014, ha riscontrato GRANDE SUCCESSO e soddisfazione di tutti i partecipanti.

“L’esperienza è stata completamente positiva, sia per gli “argomenti” trattati, per gli spunti che sono stati dati, che per la professionalità e “bellezza” della persona che ha tenuto il corso. È circolata una bella energia! Grazie.”            Dott.ssa Rossella Minini, Gallarate (VA)

“Esperienza molto positiva, non avendo esperienza pensavo di non percepire le energie e di non essere in grado di trasmetterle.. ma non è stato così.”       Elena Clerici, Monza (MB)

” Grande forza e bella esperienza nel trasmettere le emozioni agli altri mentalmente. Esperienza positiva e sempre ho riscoperto la mia forza nel trasmettere e recepire dagli altri.”       Silvana Fagetti, Monza (MB)

“Esperienza molto positiva e gratificante. Condivisione di pratiche interessanti e incontro con persone molto positive e propositive.”       Paola Franzini, Arconate (MI)

“Esperienza positiva in tutti i sensi. Nuovi strumenti per la mia Crescita Personale. Il gruppo molto piacevole.”       Laura Erba, Monza (MB)

“A questa seconda esperienza, a seguito di un corso precedente, mi è risultato utile come revisione e come approfondimento di alcune tecniche. Nell’insieme benissimo, anche divertente oltre che istruttivo.”       Dott. Roberto Ciovati, Cerro Maggiore (MI)

“Siamo esseri fatti di energia. Questo corso mi ha riproposto con degli esercizi come fluisce l’energia e come la stessa energia influisce nelle nostre vite.”        Dott.ssa Gabriela Mazzino, Gallarate (VA)

“Esperienza molto positiva. Ottima energia con le persone. Bravissimo Davide.”       Laura Andreoli, Legnano (MI)

“Esperienza positiva e indubbiamente interessante. Suggerisco: sarebbe meglio estenderne la durata ad un’intera giornata.”       Geom. Filippo Falvella, Gallarate (VA)


 Seminario: “FELICEMENTE CONSAPEVOLI… di ESSERE!”

Alcune condivisioni dei partecipanti del seminario tenuto a Legnano (MI), il 29 settembre 2013, che ha AVUTO GRANDE SUCCESSO e piena soddisfazione dei partecipanti.

“È la mia prima volta e devo dire che non dimenticherò mai questa esperienza unica nel suo genere. Ho imparato a “sentire” la mia Anima, il mio Spirito. Le sensazioni che ho provato e condiviso con il gruppo sono qualcosa di difficile da spiegare. Grazie Davide, ora sono consapevole.”                                                                                                                        Filippo Brighina, Lonate Pozzolo (VA)

“Nell’insieme è stata un’esperienza positiva, tecniche di rilassamento ed esercizi molto validi, mettendo in risalto aspetti emotivi e risultati inaspettati.”                   Dott. Roberto Ciovati, Cerro Maggiore (MI) 

“È stata un’esperienza nuova, non avevo mai visto prima d’ora tutto ciò. La rifarei!”                                                                                       Manuela Grieco, Saronno (VA)

“Un’esperienza molto positiva, provato senso di tranquillità… Molto emozionante. Sono stata molto bene! Grazie!”                           Paola Mermina, Rescaldina (MI)

“Ho provato diverse emozioni. Senso di tranquillità e voglia di attivare subito le tecniche acquisite. Ho scoperto e tirato fuori blocchi. Ho capito che i miei bambini hanno bisogno di AMORE e non di urla. Danzerò con Gentilezza per avere Pace, Amore… Finalmente la Serenità!”               Maria Fucà, Lonate Pozzolo (VA) 

“Questa esperienza mi è piaciuta, mi sono arricchita di cose che sicuramente mi serviranno per migliorare i miei umori, sentimenti e stati d’animo. Forse con questa esperienza potrò riuscire a sentirmi più sicura di me stessa.”                           Arianna Grisetti, Rescaldina (MI)

“Esperienza molto interessante, rilassante e gioiosa.”         Giuseppe Stramondinoli, Senago (MI)

“È stata una giornata bellissima!   Spesso situazioni di disagio e nervosismo le creo io… l’ho capito oggi!  Cercherò con tutta la mia volontà di mettere in pratica. Grazie!”                                                                                                                         Michela Rossini, Rescaldina (MI)

 

Seminario: “FELICEMENTE GENITORI”

Alcune condivisioni dei partecipanti al seminario che ha RISCONTRATO GRANDE SUCCESSO e, soprattutto, piena soddisfazione dei partecipanti, tenuto in Toscana lo scorso 30 agosto 2013.

“È stata un’esperienza fantastica e molto interessante. Non credo si possa descrivere con parole… l’unica cosa che posso dire è di provare!”                                                            Simone Fioravanti, Marina di Carrara (MS)

“Un’esperienza emozionale unica, utile a chiunque voglia affrontare se stesso con maggior consapevolezza”                                                                                                               Cosetta Lazzeri, Marina di Carrara (MS)


 

RECENSIONI LIBRO “Libertà e Felicità attraverso l’Archivio Prezioso”

“Ciao davide, sono Angelika, ho comprato il tuo libro e ti volevo fare i complimenti. La sera non dormo se non ho letto almeno una pagina!  L’ho regalato già a tanti amici il tuo meraviglioso libro… un abbraccio 😀 “.                                                                          Angelika Bachmann, Perugia. 

“Questo libro profondo e allo stesso tempo entusiasmante ed illuminante aiuta tutti a capire in modo semplice ed efficace come superare difficoltà e liberarsi agevolmente dalle dipendenze tirando fuori il meglio di sé.       Dott.ssa Sara Colombo

“Qualcuno pensa che “felicità” sia una parola grossa, un traguardo irraggiungibile. Aprite lo scrigno prezioso e vi accorgerete del contrario: v’illuminerà, non fosse altro che per la forza positiva che emana.”       Cristina Masetti, giornalista

“A chi vuole crescere, ampliare la consapevolezza ed elevarsi per vivere meglio ogni aspetto del quotidiano consiglio la lettura dell’Archivio Prezioso, dalla quale ho tratto molti vantaggi sia nella vita privata che in quella professionale.”       Franco Tresoldi, atleta

INTERVISTA ALL’AUTORE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

TUTTA LA VERITÀ SUI VACCINI

Vaccini

Immunologa Della Harvard University Smaschera il grande inganno delle Vaccinazioni

La Dott.ssa Tetyana Obukhanych, dell’Università di Harvard, specializzata in Immunologia, esprime
considerazioni che demoliscono completamente l’attuale iniziativa legislativa destinata a rimuovere tutte le esenzioni vaccinali in California, scritta e presentata subito dopo la pseudo epidemia di morbillo avvenuta a Disneyland.

La Dott.ssa Obukhanych confuta abilmente tutte le falsità confezionate da Big Pharma e dal governo federale degli Stati Uniti nel tentativo di implementare il programma il programma super-vaccinale all’ordine del giorno.
La Dott.ssa Tetyana Obukhanych, è altresì autrice del libro Vaccine Illusion. Ha studiato Immunologia in alcune delle più prestigiose istituzioni mediche di tutto il mondo.

Ha conseguito il dottorato di ricerca in Immunologia presso la Rockefeller University di New York e ha proseguito la formazione post-dottorato presso la Harvard Medical School, [Boston, Massachusetts] e la Stanford University in California.

La Dott.ssa Tetyana Obukhanych ha scritto una lettera aperta al Legislatore della California, nella speranza che ravveda alcuni preconcetti diffusi in merito ai vaccini, al fine di aiutare a formulare una comprensione corretta ed equilibrata delle conoscenze scientifiche.

I bambini non vaccinati rappresentano una minaccia per la popolazione vaccinata?

Si è spesso affermato che coloro che scelgono di non vaccinare i loro figli per motivi di coscienza mettono in pericolo il resto della popolazione, e questa è la logica nascosta dietro la legislazione per porre fine alle esenzioni vaccinali attualmente allo studio da parte dei legislatori statali e federali nella maggioranza degli Stati Uniti.

È necessario essere consapevoli che la natura della protezione offerta da molti vaccini moderni – e che comprende la maggior parte dei vaccini raccomandati dal CDC per i bambini – non è coerente con tale affermazione.

Qui di seguito sono descritti i vaccini raccomandati che non possono prevenire la trasmissione delle malattie, o perché non sono progettati per prevenire la trasmissione di infezioni [anzi, sono destinati a prevenire i sintomi della malattia], o perché sono destinati a malattie non trasmissibili.

Pertanto, le persone che non hanno ricevuto i vaccini indicati di seguito non costituiscono una maggiore minaccia per la popolazione rispetto a coloro che sono stati vaccinati, il che implica che non può essere giustificata la discriminazione nei confronti dei bambini non immunizzati in un ambiente scolastico pubblico.

1 – IPV [vaccino antipolio inattivato] non può impedire la trasmissione del poliovirus. Il poliovirus selvaggio è inesistente negli Stati Uniti da almeno due decenni. Anche se poliovirus selvaggi dovessero essere reimportati tramite i viaggiatori, la vaccinazione contro la poliomielite con IPV non può influenzare la sicurezza degli spazi pubblici. Si prega di notare che l’eradicazione del poliovirus selvaggio è attribuita alla uso di un vaccino diverso, OPV [vaccino antipolio orale].

Pur essendo in grado di prevenire la trasmissione del poliovirus selvaggio, l’uso di OPV è stata abbandonata da tempo negli Stati Uniti [e in altri Paesi occidentali] e sostituito con IPV per motivi di sicurezza [il vaccino causava la polio nel ricevente].

I fatti dimostrano che, malgrado il vaccino antipolio inattivato [IPV] SALK, tutti coloro che hanno ricevuto il vaccino IPV potrebbero essere portatori sani della malattia perché tale vaccinazione non previene l’infezione del tratto digerente, a meno che i livelli di anticorpi nel siero non siano molto elevati [cosa insolita se non per breve tempo dopo le dosi di richiamo].

Viene tuttavia prevenuta l’infezione della mucosa dell’orofaringe e delle tonsille, cosicché viene eliminata la trasmissione attraverso le secrezioni faringee.

Questo effetto può spiegare la diminuzione dell’incidenza dell’infezione osservata dopo l’impiego su larga scala del vaccino inattivato.

Ma, uno degli svantaggi è la non eliminazione della possibilità di reinfezione intestinale e della escrezione fecale.

The Cuba IPV Study collaborative Group, nel loro lavoro del 2007 “Randomized controlled trial of inactivated poliovirus vaccine in Cuba” [New England Journal of Medicine 356:1536-44], dimostrano in una loro tabella che il 91% dei bambini che non ricevono IPV [gruppo di controllo B] sono stati colonizzati con poliovirus vivo attenuato su deliberata inoculazione sperimentale.

I bambini che erano stati vaccinati con IPV [gruppi A e C] allo stesso modo sono stati colonizzati in percentuale dal 94-97%.

Un’elevata conta di virus vivi è stata rinvenuta nei bambini di tutti i gruppi. Questi risultati rendono chiaro che il vaccino IPV non può essere invocato per il controllo e la protezione dai poliovirus.
2 – Il tetano non è una malattia contagiosa, ma piuttosto si acquisisce da ferite profonde in tessuti contaminati con spore di Clostridium tetani [obbligatoriamente fin dall’inizio in una situazione rigorosamente anaerobica]. Pertanto, la vaccinazione per il tetano [tramite il vaccino combinato DTaP] non può modificare la sicurezza degli spazi pubblici; la si intende unicamente come protezione personale.

3 – Anche se lo scopo è di prevenire gli effetti provocati dalla difterite, il vaccino con tossoide antidifterico [anch’esso contenuto nel vaccino DTaP] non è concepito per impedire la colonizzazione e la trasmissione di Clostridium diphtheriae. Pertanto, la vaccinazione contro la difterite non può modificare la sicurezza degli spazi pubblici; è quindi destinata solo protezione personale.

4 – Il vaccino acellulare contro la pertosse [aP], contenuto anch’esso nel vaccino combinato DTaP, attualmente in uso negli Stati Uniti, ha sostituito il vaccino intero contro la pertosse alla fine del 1990, cui ha fatto seguito una ripresa senza precedenti della malattia. Un esperimento deliberato con infezione da pertosse nei primati ha rivelato che il vaccino acellulare non è in grado di prevenire la colonizzazione e la trasmissione di Bordetella pertussis. Tutto ciò è dimostrato dal lavoro di Warfel e collaboratori, Acellular pertussis vaccines protect against disease but fail to prevent infection and transmission in a nonhuman primate model [Proc Natl Acad Sci USA 111:787-92], dove i babbuini vaccinati con aP risultavano protetti dai gravi sintomi pertosse-associati ma non dalla colonizzazione, mentre gli animali infettati precedentemente [che avevano sviluppato un’immunità naturale] non sono stati colonizzati da infezioni secondarie. Inoltre, è interessante notare che la FDA ha emesso un avviso riguardante questa scoperta cruciale.

Inoltre, nella riunione del Consiglio dei consulenti scientifici presso il CDC nel 2013furono portati a conoscenza dei dati aggiuntivi allarmanti in merito alle varianti di pertosse [ceppi PRN-negativi], attualmente in circolazione negli Stati Uniti, che avevano acquisito un vantaggio selettivo per infettare coloro che ricevono il richiamo del vaccino combinato DTaP; il che significa che le persone vaccinate nuovamente hanno maggiori probabilità di essere infette, e quindi contagiose, rispetto alle persone che non sono vaccinate.
A pagina 6 del documento del CDC si legge infatti un concetto inequivocabile:
5 – Tra i numerosi tipi di Haemophilus influenzae, il vaccino Hib copre solo il ceppo b. Nonostante la sua unica intenzione di ridurre lla malattia sintomatica e asintomatica [e il trasporto di Hib], l’introduzione del vaccino contro Hib ha inavvertitamente spostato il ceppo dominante verso altri ceppi di Haemophilus influenzae [da A a F]. Questi ceppi hanno provocato una malattia invasiva di elevata gravità e crescente incidenza negli adulti, nell’era della vaccinazione anti-Hib nei bambini.
Il grafico che segue dal lavoro di Rubach e collaboratori, Increasing incidence of invasive Haemophilus influenzae disease in adults, Utah, USA. [Emerg Infect Dis 17:1645-50], mostra il numero di casi invasivi di Haemophilus influenzae [tutti i tipi] nello Utah nel decennio di vaccinazione dei bambini per Hib.
La popolazione generale è più vulnerabile alla malattia invasiva di quanto non fosse prima dell’inizio della campagna di vaccinazione contro Hib. Discriminare bambini che non sono vaccinati contro Hib non ha alcun senso scientifico nell’era di non malattia da Haemophilus influenzae tipo b.

6 – Il virus dell’epatite B si acquisisce solamente per contatto con sangue infetto. Esso non si diffonde in un ambiente comunitario, soprattutto tra i bambini, che sono difficilmente impegnati in comportamenti ad alto rischio, come la condivisione di aghi o atti sessuali. Somministrare la vaccinazione contro l’epatite B ai bambini non modifica in modo significativo la sicurezza negli spazi pubblici. Inoltre, l’ammissione a scuola non è vietata per i bambini che sono portatori cronici del virus dell’epatite B. Pertanto, per proibire l’ammissione scolastica a coloro che non sono vaccinati – e nemmeno portatori di epatite B – costituirebbe una discriminazione irragionevole e illogica.
In sintesi, una persona che non è vaccinata con IPV, DTaP, HepB, e Hib [vaccino esavalente] per motivi di coscienza non pone alcun pericolo maggiore alla collettività rispetto a coloro che sono vaccinati. E nessuna discriminazione è giustificata.

Con quale frequenza avvengono eventi avversi gravi al vaccino?

E’ spesso affermato che la vaccinazione comporta raramente degli eventi avversi gravi.

Sfortunatamente, questa affermazione non è supportata dalla Scienza. Un recente studio condotto in Ontario, Canada, da parte di Wilson e collaboratori, Adverse events following 12 and 18 month vaccinations: a population-based, self-controlled case series analysis [PLoS One 6:e27897], ha stabilito che la vaccinazione
in realtà conduce ad una visita di pronto soccorso per 1 ogni 168 bambini, dopo il suo inoculo dei 12 mesi, e per 1 ogni 730 bambini dopo il suo inoculo dei 18 mesi.

Quando il rischio di un evento avverso che richiede una visita in Pronto Soccorso dopo la vaccinazione è palesemente così elevato, la vaccinazione deve rimanere una scelta per i genitori perché possono essere comprensibilmente meno disposti a esporsi a tale rischio immediato al fine di proteggere i propri figli da malattie che sono generalmente considerate lievi oppure alle quali non saranno mai esposti.

Può la discriminazione contro le famiglie che si oppongono ai vaccini per motivi di coscienza prevenire future epidemie di malattie virali trasmissibili, come il morbillo?
I vari ricercatori che si occupano di morbillo hanno da lungo tempo messo in guardia in merito al “morbillo paradosso“. Citando l’articolo di Poland & Jacobson [1994] Failure to Reach the Goal of Measles Elimination: Apparent Paradox of Measles Infections in Immunized Persons[Arch Intern Med 154:1815-1820:]
L’apparente paradosso è che, come i tassi di vaccinazione contro il morbillo salgono a livelli elevati in una popolazione, il morbillo diventa una malattia delle persone immunizzate.
Ulteriori ricerche hanno stabilito che dietro il “morbillo paradosso” c’è una frazione della popolazione chiamata “low vaccine responders“. I “low responder” sono coloro che rispondono male alla prima dose del vaccino contro il morbillo. Questi individui poi scatenano una risposta immunitaria debole al successivo richiamo e tornano rapidamente nella categoria dei “suscettibili”, entro 2-5 anni, pur essendo completamente vaccinati. Inoltre, il richiamo vaccinale non può correggere la bassa reattività: sembra essere un tratto immuno-genetico. [Variability in Immune Response to Pathogens: Using Measles Vaccine to Probe Immunogenetic Determinants of Response – Poland (1998) Am J Hum Genet 62:215-220]
La percentuale di “low responder” tra i bambini degli Stati Uniti è stata stimata al 4,7% [Persistence of Measles Antibodies After 2 Doses of Measles Vaccine in a Postelimination Environment – LeBaron et al. (2007) Arch Pediatr Adolesc Med 161:294-301].

In Italia invece giocano al lotto nel tentativo di identificare una migliore strategia vaccinale per questi soggetti, e se va male non è mai colpa del vaccino [siamo sarcastici, ndr].

Studi di focolai di morbillo in Quebec, Canada, e Cina attestano che i focolai di morbilloavvengono anche quando la conformità alla vaccinazione è nella fascia più alta [95-97% o addirittura 99%] – [Largest measles epidemic in North America in a decade–Quebec, Canada, 2011: contribution of susceptibility, serendipity, and superspreading events – De Serres et al. (2013) J Infect Dis 207:990-998] – [Outbreak of measles among persons with prior evidence of immunity, New York City, 2011. – Rosen et al. (2014) Clin Infect Dis 58:1205-1210].

Tutto ciò accade perché, anche in alti responder ai vaccini, gli anticorpi indotti dal vaccino si attenuano nel tempo. E l’immunità vaccinale non è uguale all’immunità naturale, acquisita dopo l’esposizione naturale alla malattia, che dura tutta la vita. Inoltre, è stato documentato che le persone vaccinate che sviluppano il morbillo sono contagiose. Infatti, le due gravi epidemie di morbillo nel 2011 [in Quebec, in Canada, e a New York] sono state causate da individui precedentemente vaccinati.

Nel loro insieme, questi dati rendono evidente che l’eliminazione delle esenzioni vaccinali, attualmente utilizzate solo da una piccola percentuale di famiglie in ogni caso, non potranno risolvere il problema della recrudescenza della malattia né evitare la reimportazione e/o focolai di malattie precedentemente eliminate.
La discriminazione contro gli obiettori di coscienza è l’unica soluzione praticabile?

La maggior parte dei casi di morbillo verificatisi negli ultimi focolai statunitensi [tra cui la recente epidemia di Disneyland] ha riguardato adulti e bambini molto piccoli, mentre nell’epoca pre-vaccinale il morbillo si verificava principalmente in età compresa tra 1 e 15 anni.

L’esposizione naturale al morbillo è stata seguita da immunità permanente da re-infezione, mentre l’immunità vaccinale svanisce nel tempo lasciando gli adulti scoperti dai loro vaccini dell’infanzia. Il morbillo è certamente più preoccupante per i bambini piccoli e per gli adulti rispetto ai bambini in età scolare.
Nonostante alte probabilità di esposizione in epoca pre-vaccinale, il morbillo non si è mai presentato nei bambini molto più giovani di un anno di età a causa del robusto meccanismo di trasferimento dell’immunità materna. L’attuale vulnerabilità di bambini molto piccoli al morbillo è il risultato diretto della campagna di vaccinazione di massa prolungata, durante la quale le loro madri, vaccinate nella loro infanzia, non sono state in grado di provare il morbillo naturalmente in età scolastica così da stabilire un’immunità naturale [a vita] e trasmetterla ai loro bambini per proteggerli dal morbillo nel primo anno di vita.

Per fortuna, esiste un backup terapeutico per imitare l’immunità materna erosa. I neonati e altri soggetti vulnerabili o immunocompromessi, hanno diritto a ricevere immunoglobuline, una misura potenzialmente salvavita che fornisce anticorpi diretti contro il virus per prevenire o migliorare l’approccio alla malattia in seguito all’esposizione. [Immunoglobulin Handbook, Health Protection Agency]
In breve:
a causa delle proprietà dei vaccini moderni, i soggetti non vaccinati non presentano alcun rischio maggiore di trasmissione della polio, difterite, pertosse, e numerosi ceppi di Haemophilus influenzae non-b, rispetto agli di individui vaccinati,
gli individui non vaccinati non costituiscono alcun pericolo di trasmissione di epatite B in un ambiente scolastico, e il tetano non è trasmissibile a tutti;
vi è un rischio significativamente elevato di visite al pronto soccorso dopo la somministrazione delle vaccinazione dell’infanzia e questo attesta che la vaccinazione non è esente da rischi;
focolai di morbillo non possono essere del tutto evitati, anche se c’è un elevato standard di rispetto della pratica vaccinale;
un metodo efficace per prevenire il morbillo e altre malattie virali nei bambini non ammissibili alla vaccinazione e agli immunocompromessi, è costituita dalle immunoglobuline disponibili per tutti coloro che possono essere esposti a queste malattie.
Presi insieme, questi cinque fatti indicano chiaramente che la discriminazione in un ambiente scolastico pubblico nei confronti dei bambini che non sono vaccinati per motivi di coscienza è del tutto ingiustificata ed eccessiva, così come lo stato vaccinale degli obiettori di coscienza non presenta alcun rischio per la salute pubblica. ….

👉🏻CONTINUA …👈🏻

 

 

FONTE
via Naturamorevole

 

.

 

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , | Leave a comment

CALDO ? Puoi stare meglio sia in casa che fuori! ECCO I RIMEDI EFFICACI

immagine natura con arcobaleno

CALDO ? Puoi stare meglio sia in casa che fuori!
ECCO I RIMEDI EFFICACI

1 indossare abiti comodi, larghi e CHIARI;
Evitare abiti aderenti ( trattengono il calore ) e scuri ( trattengono i raggi, non fanno l’effetto “riverbero”).

2 nelle ore più calde ( 11 – 15 ) evitare l’esposizione al sole ☀️

3 NON HAI IL CLIMA IN CASA?
BENE!
Puoi rinfrescare casa in modo naturale.

Così:
– Ventilatore con VASCHETTA di GHIACCIO ❄️ posizionata davanti ( “l’evaporazione” del ghiaccio, aria molto più fresca, viene smossa e direzionata dove vuoi tu dal ventilatore … magari evita di puntarla proprio addosso, per evitare cervicalgie, lombalgie, sinusiti, bronchiti etc..)

– Tapparelle e finestre chiuse per evitare che entri il caldo (dalle 10 fino alle 19 circa, nelle ore più calde.

– Fai entrare il fresco in casa la sera, aprendo le finestre

4 Rinfresca con acqua polsi, caviglie, gambe… oppure metti un panno bagnato/inumidito con acqua fresca (come fai quando hai la febbre ) sempre su polsi e caviglie.

5 Bevi molta acqua

6 Mangia frutta e verdura fresca

👉🏻CONTINUA …👈🏻

.

.

.

Posted in Senza categoria | Tagged , , , | Leave a comment

CONSULENZE OLISTICHE e SCIOGLIERE I NODI KARMICI

 

“PRENOTA UNA CONSULENZA OLISTICA” 

ADESSO PUOI!

-SCIOGLIERE i NODI KARMICI per elevarsi ed evolvere rapidamente.

-Osservare le VITE PRECEDENTI per cambiare il presente, RISOLVERE problemi e conflitti, malesseri e squilibri energetici, emozionali e psico-fisici.

-Praticare il “PERDONO” per raggiungere riequilibrio e pace interiore in modo rapido ed efficace.

-Ricevere trattamenti per il Riequilibrio Energetico e il Benessere psico-fisico ed emozionale attraverso la sperimentazione di Tecniche L.U.C.E., Luce Infinita e Reiki Universale Luce.

-L’Ampliamento della Consapevolezza e importanti prese di coscienza per una rapida Crescita e importante Risveglio.
“L’ILLUMINAZIONE è accessibile e possibile a chiunque in quanto è uno stato NATURALE!”

Tutto ciò ti è possibile richiedendo una consulenza privata L.U.C.E., una seduta tenuta direttamente da Master Abilitati e Certificati. 

Le sedute sono individuali, personalizzate.

La durata è di un’ora circa. Per i casi che necessitano di procedure particolarmente complesse la seduta può durare fino a un massimo di tre ore.

Una sola seduta solitamente è sufficiente a garantire risultati soddisfacenti e straordinari.

Sarà poi la persona a valutare se necessita di un’altra seduta in futuro.

Le sedute individuali prevedono una quota di € 37 a persona, indipendente dalla durata, che può variare da un’ora fino ad un massimo di tre ore.

PER PRENOTARE LA TUA CONSULENZA PRIVATA CONTATTACI TELEFONICAMENTE O SCRIVI una mail all’indirizzo: archivioprezioso@gmail.com

oppure un messaggio privato all’Associazione sulla pagina di Facebook “Luce Infinita”, inserendo nell’oggetto “richiesta di consulenza”, completando la mail, o il messaggio, con nome e numero di telefono, così da poter ricevere conferma della prenotazione e fissare un appuntamento a breve.

N.B.: non è richiesto il motivo per cui viene prenotata la consulenza, semplicemente perché non è necessario… è possibile parlarne direttamente durante la seduta.

Ciao 🙂

Buon Risveglio!

=> LEGGI LE TESTIMONIANZE DELLE PERSONE CHE HANNO GIÀ SCIOLTO I NODI KARMICI ATTRAVERSO LE SEDUTE SPECIFICHE

.

.

.

.

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

DONA IL 5 x MILLE

Verità, purezza e altruismo – laddove siano presenti, nessuna potenza sotto il sole o al di là di esso può scalfire chi le possiede.
Un individuo che ne sia dotato è in grado di affrontare l’universo intero.

L’altruismo è Divino. Un uomo può vivere su un trono in un palazzo ed essere perfettamente altruista, il che significa essere in Dio. Un altro può vivere in una capanna, indossare stracci e non avere nulla al mondo ma se è un egoista sarà profondamente immerso nel mondo.” *                                                                    

Che cos’è il 5 per mille?

  • Attraverso il 5 per mille lo Stato decide di destinare, seguendo l’indicazione dei contribuenti, una quota del gettito fiscale IRPEF delle persone fisiche a finalità di sostegno delle associazioni di volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all’articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, e successive modificazioni, nonche’ delle associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e provinciali previsti dall’articolo 7, commi 1, 2, 3 e 4, della legge 7 dicembre 2000, n. 383.
    5-PER-1000.IT|DI EDUCOM SRL, HTTP://WWW.EDUCOM.IT/
    Il 5 per mille è una donazione e non un’imposta. E’ semplicemente la destinazione di una parte dell’imposta sul reddito. Non comporta infatti nessun aggravio economico per il contribuente.
    Se non si compila lo spazio relativo al 5 per mille sul modello unico, 730 o cud, il 5 per mille andrà direttamente allo Stato, che deciderà come utilizzarlo.
     

 

.

.

 

 

 *Sri Ramakrishna

 

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , , | Leave a comment

CONDIVISIONI SUL SOLE ☀️ QUANTICO ✨LUCE

Sole quantico luce

ALCUNE CONDIVISIONI E TESTIMONIANZE DI CHI HA PARTECIPATO AL SEMINARIO “IL SOLE ☀️ QUANTICO ✨LUCE” 

“Sole quantico!!!😍😍😍Felicissima di aver deciso di partecipare anche a questo corso.

Ho iniziato fin da subito a sperimentare le tecniche che mi sono state insegnate e oggi con grande abilità le utilizzo almeno 10 volte al giorno ovunque mi trovi 😄

sono tecniche concrete, pratiche e funzionali!

Sono strumenti in grado di disinnescare i limiti che non immaginiamo nemmeno di avere.

La mente quantica… credo molto nelle infinite capacità della nostra mente ma non mi sarei mai aspettata una cosa così sorprendente!!!!

Ho anche donato e ricevuto un Diamante…questo significa che oltre ad aiutare se stessi…possiamo aiutare anche gli altri.

E’ stata un giornata memorabile…ne ho un bel ricordo! Grazie Davide.”

Antonella Ruggiero – Bollate (MI)

—————–

“Ho partecipato al seminario il sole quantico a ottobre dell’anno scorso e da allora quasi ogni giorno uso questo strumento per migliorare lo stato di salute mio o di altri, per ottenere un sonno migliore, per proteggere, o per caricare me o altre persone di qualità positive.

Il seminario è stato molto interessante, Davide ci ha fornito basi teoriche di fisica quantica… per poi passare alla pratica, che ha occupato la maggior parte del corso.

Abbiamo sperimentato la visione di una vita passata, e la pratica a coppie. Visto l’energia del compagno, visualizzato i blocchi e fatto il trattamento.

I trattamenti sono molto rapidi e danno risultati visibili. Io sono stata molto bene durante il corso… entusiasta delle tecniche proposte.
☀️
Trovo il sole quantico uno strumento molto utile… lo uso quasi ogni sera per proteggere mio figlio nel sonno e donargli un sonno profondo e sereno.

Quando c’è qualche malessere lo uso per risolvere la situazione in tempi rapidi.


Durante il seminario inoltre abbiamo donato e ricevuto il carisma del diamante. Per me è stata un’esperienza indimenticabile. .. che ho condiviso con un’altra anima e mi ha commossa molto.

Davide è un’ ottima guida, sempre chiaro, disponibile, entusiasta, che stimola sempre a provare, a sperimentare da sé. Grazie! “

Arianna Re Depaolini – Parabiago (MI)

————-

………

Posted in Senza categoria | Tagged , , , | Leave a comment

FELICE ANNO NUOVO E…

 

buon 2017

 

TANTI 🎉 AUGURI
PER UNO 💫
SPLENDIDO💫 E MERAVIGLIOSO  ANNO NUOVO
COLMO DI PACE, SERENITÀ, CONSAPEVOLEZZA E AMORE 

P.S.: RICORDATEVI DI SALUTARE IL 2016 CHE SE NE VA…

È UN’ISTANZA ENERGETICA ANCHE LUI.

RINGRAZIAMOLO PER TUTTE LE LEZIONI RICEVUTE, I TRAGUARDI RAGGIUNTI, LE PAURE SUPERATE E PER TUTTE LE CONQUISTE

ABBIAMO CONDIVISO INSIEME A LUI UN VIAGGIO DI 365 GIORNI PIENO DI AVVENIMENTI

PRIMA CHE ARRIVI IL NUOVO ANNO POSSIAMO DEDICARGLI 10 SECONDI PER UN SALUTO E UN GRAZIE, COME OGNI VOLTA CHE USCIAMO DALLA CASA DI AMICI CHE CI HANNO OSPITATO PER CONDIVIDERE INSIEME DEI MOMENTI, UNA CENA, DELLE EMOZIONI…

AL NUOVO ANNO POSSIAMO DARGLI IL BENVENUTO COME SI FA CON UN OSPITE CHE ARRIVA A CASA NOSTRA!

PACE, GIOIA, SERENITÀ, CONSAPEVOLEZZA E AMORE A TUTTI VOI!
UN ABBRACCIO GRANDE!


BUON 🎀 2017 A TUTTI! 🎉

SE PUOI IMMAGINARLO…
PUOI REALIZZARLO!
SI, SI PUÒ!

Stefano Davide
Associazione Olistica Luce Infinita
.

SHANTI 

 

 

Posted in Senza categoria | Leave a comment

100% DI TUMORI CHE REGREDISCONO NATURALMENTE!


immagine natura con arcobaleno

100% DI TUMORI CHE REGREDISCONO NATURALMENTE!
DA MIGLIAIA DI AUTOPSIE SU VITTIME DI INCIDENTI STRADALI EMERGE UNA VERITÀ SCONVOLGENTE E STRAORDINARIA!

(…) Nel corso della vita è infatti “normale“ sviluppare tumori, e non a caso la stessa Medicina sa bene che sono migliaia le cellule tumorali prodotte ogni giorno dall’organismo.
Queste, poi, vengono distrutte e/o fagocitate dal Sistema Immunitario, se l’organismo funziona correttamente.

Molti tumori regrediscono o rimangono incistati per lungo tempo quando la Vis Medicratix Naturae (la forza risanatrice che ogni essere vivente possiede) è libera di agire.

La “Legge di Guarigione descrive il modo con cui tale forza vitale di ogni organismo reagisce alla malattia e ripristina la salute”.

Luigi De Marchi, psicologo clinico e sociale, autore di numerosi saggi conosciuti a livello internazionale, parlando con un amico anatomo-patologo del Veneto sui dubbi dell’utilità delle diagnosi e delle terapie anti-tumorali, si sentì rispondere:
«Sì, anch’io ho molti dubbi.
Sapessi quante volte, nelle autopsie sui cadaveri di vecchi contadini delle nostre valli più sperdute ho trovato tumori regrediti e neutralizzati naturalmente dall’organismo: era tutta gente che era guarita da sola del suo tumore ed era poi morta per altre cause, del tutto indipendenti dalla patologia tumorale»[1].

«Se la tanto conclamata diffusione delle patologie cancerose negli ultimi decenni – si chiese Luigi De Marchi – in tutto l’Occidente avanzato fosse solo un’illusione ottica, prodotta dalla diffusione delle diagnosi precoci di tumori che un tempo passavano inosservati e regredivano naturalmente?

E se il tanto conclamato incremento della mortalità da cancro fosse solo il risultato sia dell’angoscia di morte prodotta dalle diagnosi precoci e dal clima terrorizzante degli ospedali, sia della debilitazione e intossicazione del paziente prodotte dalle terapie invasive, traumatizzanti e tossiche della Medicina ufficiale. Insomma, se fosse il risultato del blocco che l’angoscia della diagnosi e i danni delle terapie impongono ai processi naturali di regressione e guarigione dei tumori?”.[2]

Con quanto detto da Luigi De Marchi – confermato anche da autopsie eseguite in Svizzera su cadaveri di persone morte non per malattia – si arriva alla sconvolgente conclusione che moltissime persone hanno (o avevano) uno o più tumori, ma non sanno (o sapevano) di averli.
In questa specifica indagine autoptica (autopsie) fatta in Svizzera, ed eseguita su migliaia di persone morte in incidenti stradali (quindi non per malattia), è risultato qualcosa di sconvolgente:

– Il 38% delle donne (tra i 40 e 50 anni) presentavano un tumore (in situ) al seno;
– Il 48% degli uomini sopra i 50 anni presentavano un tumore (in situ) alla prostata;
– Il 100% delle donne e uomini sopra i 50 anni presentavano un tumore (in situ) alla tiroide.[3]

Con tumore in situ s’intende un tumore chiuso, chiuso nella sua capsula, non invasivo che può rimanere in questo stadio per molto tempo e anche regredire.

Secondo la Medicina Omeopatica , la “Legge di Guarigione descrive il modo con cui tale forza vitale di ogni organismo reagisce alla malattia e ripristina la salute”.[4]

Cosa succede alla Legge di Guarigione, al meccanismo vitale di autoguarigione, se dopo una diagnosi di cancro la vita viene letteralmente sconvolta dalla notizia del male?
E cosa succede all’organismo (e al Sistema Immunitario) quando viene fortemente debilitato dai farmaci ?

Ulteriori dati poco conosciuti

Poco nota al grande pubblico è la vasta ricerca condotta per 23 anni dal prof. Hardin B. Jones, fisiologo dell’Università della California, e presentata nel 1975 al Congresso di cancerologia presso l’Università di Berkeley.

Oltre a denunciare l’uso di statistiche falsate, egli prova che i malati di tumore che NON si sottopongono alle tre terapie canoniche (chemio, radio e chirurgia) sopravvivono più a lungo o almeno quanto coloro che ricevono queste terapie. [5]

Il prof. Jones dimostra che le donne malate di cancro alla mammella che hanno rifiutato le terapie convenzionali mostrano una sopravvivenza media di 12 anni e mezzo, quattro volte superiore a quella di 3 anni raggiunta da coloro che si sono invece sottoposte alle cure complete.[6]

Un’altra ricerca pubblicata su The Lancet del 13/12/1975 (che riguarda 188 pazienti affetti da carcinoma inoperabile ai bronchi), dimostra che la vita media di quelli trattati con chemioterapia è stata di 75 giorni, mentre quelli che non ricevettero alcun trattamento ebbero una sopravvivenza media di 120 giorni.[7]

Una persona malata di tumore ha statisticamente una percentuale maggiore di sopravvivenza se non segue i protocolli terapeutici ufficiali.

Per “curare” il tumore oggi vengono utilizzati degli ‘agenti vescicanti’: prodotti militari usati nelle guerre chimiche.
Anche se la ”guerra al cancro” viene portata avanti con ogni mezzo dall’establishment, ritengo che ci sia un limite a tutto.

Mi asterrò dal recar danno e offesa.
Non somministrerò ad alcuno,
neppure se richiesto, un farmaco mortale.
(Giuramento di Ippocrate)

   I pericoli della chemioterapia

Il principio terapeutico della chemioterapia è semplice: si usano sostanze chimiche altamente tossiche per uccidere le cellule cancerose.
Il concetto che sta alla base di questo ragionamento limitato e assolutamente materialista è che alcune cellule, a causa di fattori ambientali, genetici o virali, impazziscono iniziando a riprodursi caoticamente creando delle masse (neoplasie).

La Medicina perciò tenta di annientare queste cellule con farmaci citotossici (cioè tossici per le cellule). Tuttavia, questa feroce azione mortale, non essendo in grado di distinguere le cellule sane da quelle neoplastiche (impazzite), cioè i tessuti tumorali da quelli sani, colpisce e distrugge l’intero organismo vivente.
Ci hanno sempre insegnato che l’unica cura efficace per i tumori è proprio la chemioterapia, ma si sono dimenticati di dirci che queste sostanze di sintesi sono dei veri e propri veleni. Solo chi ha provato sulla propria pelle le famose iniezioni sa cosa voglio dire.

«Il fluido altamente tossico veniva iniettato nelle mie vene. L’infermiera che svolgeva tale mansione indossava guanti protettivi perché se soltanto una gocciolina del liquido fosse venuta a contatto con la sua pelle l’avrebbe bruciata.

Non potei fare a meno di chiedermi: ‘Se precauzioni di questo genere sono richieste all’esterno, che diamine sta avvenendo nel mio organismo?’.

Dalle 19 di quella sera vomitai alla grande per due giorni e mezzo. Durante la cura persi manciate di capelli, l’appetito, la colorazione della pelle, il gusto per la vita.

Ero una morta che camminava».
[ Testimonianza di una malata di cancro al seno ]

Un malato di tumore viene certamente avvertito che la chemio gli provocherà (forse) nausea, (forse) vomito, che cadranno i capelli, ecc.

Ma siccome è l’unica cura ufficiale riconosciuta, si devono stringere i denti e firmare il consenso informato, cioè si sgrava l’Azienda Ospedaliera o la Clinica Privata da qualsiasi problema e responsabilità.

Le precauzioni del personale infermieristico che manipolano le sostanze chemioterapiche appena lette nella testimonianza, non sono una invenzione. L’Istituto Superiore di Sanità italiano ha fatto stampare un fascicolo dal titolo “Esposizione professionale a chemioterapici antiblastici” per tutti gli addetti ai lavori, cioè per coloro che maneggiano fisicamente le fiale per la chemio (di solito infermieri professionali e/o medici).

    Fiale che andranno poi iniettate ai malati.

Alla voce Antraciclinici (uno dei chemioterapici usati) c’è scritto che dopo la sua assunzione può causare: “Stomatite, alopecia e disturbi gastrointestinali sono comuni ma reversibili. La cardiomiopatia, un effetto collaterale caratteristico di questa classe di chemioterapici, può essere acuta (raramente grave) o cronica (mortalità del 50% dei casi).

Tutti gli antraciclinici sono potenzialmente mutageni e cancerogeni”.[8]

Alla voce Procarbazina (un altro dei chemioterapici usati) c’è scritto che dopo la sua assunzione può causare:

“E’ cancerogena, mutagena e teratogena (malformazione nei feti) e il suo impiego è associato a un rischio del 5-10% di leucemia acuta, che aumenta per i soggetti trattati anche con terapia radiante”.

In un altro documento, sempre del Ministero della Sanità (Dipartimento della Prevenzione – Commissione Oncologica Nazionale) dal titolo “Linee-guida per la sicurezza e la salute dei lavoratori esposti a chemioterapici antiblastici in ambiente sanitario” (documento pubblicato dalle Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano) c’è scritto: “Uno dei rischi rilevati nel settore sanitario è quello derivante dall’esposizione ai chemioterapici antiblastici. Tale rischio è riferibile sia agli operatori sanitari, che ai pazienti”.
Qui si parla espressamente dei rischi per operatori e pazienti.

Il documento continua dicendo: “Nonostante numerosi chemioterapici antiblastici siano stati riconosciuti dalla IARC (International Agency for Research on Cancer) e da altre autorevoli Agenzie internazionali come sostanze sicuramente cancerogene o probabilmente cancerogene per l’uomo, a queste sostanze non si applicano le norme del Titolo VII del D.lgs n. 626/94 ‘Protezione da agenti cancerogeni’. Infatti, trattandosi di farmaci, non sono sottoposti alle disposizioni previste dalla Direttiva 67/548/CEE e quindi non è loro attribuibile la menzione di R45 ‘Può provocare il cancro’ o la menzione R49 ‘Può provocare il cancro per inalazione’”.

Quindi queste sostanze, nonostante provochino il cancro, non possono essere etichettate come cancerogene (R45 e R49) semplicemente perché sono considerate “farmaci”.

Questa informazione è molto interessante.

Andiamo avanti:

“Nella tabella 1 [vedi sotto, ndA] è riportato un elenco, non esaustivo, dei chemioterapici antiblastici che sono stati classificati dalla IARC nel gruppo ‘cancerogeni certi per l’uomo’ e nel gruppo ‘cancerogeni probabili per l’uomo’. L’Agenzia è arrivata a queste definizioni prevalentemente attraverso la valutazione del rischio ‘secondo tumore’ che nei pazienti trattati con chemioterapici antiblastici può aumentare con l’aumento della sopravvivenza. Infatti, nei pazienti trattati per neoplasia è stato documentato lo sviluppo di tumori secondari non correlati con la patologia primitiva”.

Tabella 1
Cancerogeni per l’uomo: Butanediolo dimetansulfonato (Myleran) – Ciclofosfamide – Clorambucil – 1(2-Cloretil)-3(4-metilcicloesil)-1-nitrosurea (Metil-CCNU) – Melphalan – MOPP (ed altre miscele contenenti alchilanti) – N,N-Bis-(2-cloroetil)-2-naftilamina (Clornafazina) – Tris(1-aziridinil)fosfinsolfuro (Tiotepa)

Probabilmente cancerogeni per l’uomo: Adriamicina – Aracitidina – 1(2-Cloroetil)-3-cicloesil-1nitrosurea (CCNU) – Mostarde azotate – Procarbarzina

Certamente si tratta di un elenco incompleto perché, sfogliando una trentina di bugiardini di chemioterapici, mancano diverse molecole cancerogene per ammissione stessa dei produttori.

In conclusione, il documento sulle “linee guida” riporta alla voce “Smaltimento”:

“Tutti i materiali residui dalle operazioni di manipolazione dei chemioterapici antiblastici (mezzi protettivi, telini assorbenti, bacinelle, garze, cotone, fiale, flaconi, siringhe, deflussori, raccordi) devono essere considerati rifiuti speciali ospedalieri. Quasi tutti i chemioterapici antiblastici sono sensibili al processo di termossidazione (incenerimento), per temperature intorno ai 1000-c La termossidazione, pur distruggendo la molecola principale della sostanza, può comunque dare origine a derivati di combustione che conservano attività mutagena.

È pertanto preferibile effettuare un trattamento di inattivazione chimica (ipoclorito di sodio) prima di inviare il prodotto ad incenerimento.

Le urine dei pazienti sottoposti ad instillazioni endovescicali dovrebbero essere inattivate prima dello smaltimento, in quanto contengono elevate concentrazioni di principio attivo”.

Queste sostanze, che vengono sistematicamente iniettate nei malati, anche se incenerite a 1000°C “conservano attività mutagena”.

Ma che razza di sostanze chimiche sono mai queste?
La spiegazione tra poche righe.

L’amara conclusione, che si evince dall’Istituto Superiore di Sanità, è che l’oncologia moderna per curare il cancro utilizza delle sostanze chimiche che sono cancerogene (provocano il cancro), mutagene (provocano mutazioni genetiche) e teratogene (provocano malformazioni nei discendenti).

C’è qualcosa che non torna:

perché ad una persona sofferente dal punto di vista fisico, psichico e morale, debilitata e sconvolta dalla malattia, vengono iniettate sostanze così tossiche?

Questo apparente controsenso

– se non si abbraccia l’idea che qualcuno ci sta coscientemente avvelenando –

si spiega nella visione riduzionista e totalmente materialista che ha la Medicina , ma questo è un argomento che affronteremo più avanti.

In Appendice sono stati pubblicati alcuni degli effetti collaterali (scritti nei bugiardini dalle lobby chimico-farmaceutiche che li producono) di circa trenta farmaci chemioterapici.

Uno per tutti: l’antineoplastico denominato Alkeran® (50 mg/10 ml: polvere e solvente per soluzione iniettabile che contiene come eccipiente: “acido cloridrico”) della GlaxoSmithKline. “Un alchilante analogo alla mostarda azotata”. Alchilante è un farmaco capace di combinarsi con gli elementi costitutivi della cellula provocandone la sua alterazione.[9]
Dal bugiardino si evince che questa sostanza chimica (usata nei malati tumorali), oltre a provocare la leucemia acuta (“è leucemogeno nell’uomo”), causa difetti congeniti nella prole dei pazienti trattati.

Alla voce “Eliminazione”, viene confermato quanto riportato sopra: “L’eliminazione di oggetti taglienti, quali aghi, siringhe, set di somministrazione e flaconi deve avvenire in contenitori rigidi etichettati con sigilli appropriati per il rischio.

Il personale coinvolto nell’eliminazione (dell’Alkeran) deve adottare le precauzioni necessarie ed il materiale deve essere distrutto, se necessario, mediante incenerimento”.
Incenerimento, come abbiamo letto prima, alla temperatura di 1000-1200 gradi!

La spiegazione è che queste sostanze sono analoghe alle “mostarde azotate”.

Il sito del Ministero della Salute italiano, alla voce “Emergenze Sanitarie”, si esprime così: “Le mostarde azotate furono prodotte per la prima volta negli anni ’20 e ’30 come potenziali armi chimiche.

Si tratta di agenti vescicatori simili alle mostarde solforate che si presentano in diverse forme e possono emanare un odore di pesce, sapone o frutta.

Sono note anche con la rispettiva designazione militare HN-1, HN-2 e HN-3.

Le mostarde azotate sono fortemente irritanti per pelle, occhi e apparato respiratorio.

Sono in grado di penetrare nelle cellule in modo molto rapido e di causare danni al sistema immunitario e al midollo osseo (…) che si manifestano già dopo 3-5 giorni dall’esposizione, che causano anche anemia, emorragie e un maggiore rischio di infezioni.

Quando questi effetti si presentano in forma grave, possono condurre alla morte”.[10]

Marcello Pamio – tratto da “Cancro Spa: leggere attentamente le avvertenze”

[1] Medicina kaput col mito del placebo?, Luigi De Marchi

www.luigidemarchi.it/innovazioni/educazione/articoli/01_medicinakaput.html
[2] Idem
[3] Conferenza “Medicalizzazione della vita e comunicazione sanitaria” del Dottor Gianfranco Domenighetti – già Direttore sanitario del Canton Ticino – tenuta il 22 novembre 2008 al VIII° Congresso nazionale di medicina omeopatica di Verona.
[4] “Approccio metodologico all’omeopatia”, Dottor Roberto Gava, farmacologo e tossicologo, ed. Salus Infirmorum, Padova
[5] “Il tradimento della medicina”, Alberto Mondini
[6] Idem
[7] Idem
[8] Per mutageno si intende ogni agente chimico o fisico che agisce sui cromosomi alterandone l’informazione genetica. Per cancerogeno si intende ogni sostanza capace di produrre il cancro.
[9] Gli alchilanti agiscono direttamente sul DNA di qualsiasi tipo di cellula senza specificità. Possono intervenire sulle basi del DNA oppure rompendo l’intera molecola di DNA o ancora bloccando la trascrizione o la duplicazione. L’azione principale di un alchilante consiste però nel formare un legame trasversale tra due eliche complementari di DNA che porta alla rottura della catena polinucleotidica. Quindi, il DNA viene danneggiato e non è più in grado di duplicarsi e completare la sintesi proteica.
[10] “Mostarde azotate”, “Emergenze”, tratto dal sito del Ministero della Salute
http://uc6.asimantova.it/index.php?option=com_content&task=view&id=312&Itemid=54
By Marcello Pamio – tratto da “Cancro Spa” – Tratto da: stampa libera.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Lo ZENZERO e’ un toccasana specie per il cancro alla Prostata (vedi qui tutti particolari dello studio)

Trovata in Canada un’altra cura alternativa alla chemio e radio terapia, per il cancro, ma le Big Pharma fanno finta di niente – 21 maggio 2011

I ricercatori dell’Università di Alberta, a Edmonton, in Canada hanno trovato una nuova cura per il cancro, la settimana scorsa, ma se ne parla pochissimo nei notiziari e alla TV. È una tecnica semplice, si utilizza un farmaco molto semplice.

Il metodo impiega dicloroacetato, che è attualmente usato per trattare i disordini metabolici. Quindi, non vi è alcuna preoccupazione per gli effetti collaterali o gli effetti a lungo termine.

Questo farmaco non richiede un brevetto, per cui chiunque lo può utilizzare ampiamente ed è economico rispetto ai costosi farmaci antitumorali prodotti da grandi aziende farmaceutiche.

Gli scienziati canadesi hanno testato questo dicloroacetato (DCA) sulle cellule dell’uomo, ed ha ucciso le cellule del cancro dal polmone, mammella e cervello ed ha lasciato intatte quelle sane.

È stato testato su topi con tumori gravi che si sono ridotti quando sono stati alimentati con acqua integrata con DCA. Il farmaco è ampiamente disponibile e la tecnica è facile da usare.

Perché le case farmaceutiche più importanti non sono coinvolte ? O i media non ne sono interessati ?

Nel corpo umano c’è un elemento naturale che lotta contro il cancro: i mitocondri, ma hanno bisogno di essere “spinti” per essere abbastanza efficaci (NdR: i mitocondri sono organi contenuti in ogni cellula umana, con una struttura simile a quella dei batteri, e con un proprio DNA mitocondriale; ( la funzione principale del mitocondrio è quella di produrre energia ed elettroni negativi).

Gli scienziati hanno sempre pensato che i mitocondri venissero danneggiati dal cancro e quindi hanno pensato di concentrarsi sulla glicolisi che è meno efficace e più dispensiosa.

I produttori di farmaci si sono concentrati solo su questo metodo della glicolisi per combattere il cancro. Questo DCA invece non si basa sulla glicolisi ma sui mitocondri, “innesca” i mitocondri che combattono le cellule tumorali.

L’effetto collaterale di questo è che viene anche riattivato un processo chiamato apoptosi. Vedete, i mitocondri contengono un fin troppo importante “pulsante di autodistruzione” che viene a mancare nelle cellule tumorali. Senza di esso, i tumori diventano più grandi e le cellule rifiutano di estinguersi.

I mitocondri pienamente funzionanti, grazie al DCA invece possono finalmente morire. Le aziende farmaceutiche non investono in questa ricerca perché il metodo DCA non può essere brevettato, senza un brevetto non possono fare soldi, come stanno facendo ora con le cure contro l’AIDS.

Dal momento che le case farmaceutiche non se ne interesseranno, altri laboratori indipendenti dovrebbero iniziare a produrre questo farmaco e fare ulteriori ricerche per confermare le conclusioni di cui sopra e produrre i farmaci.

La ricerca originale è disponibile sul dello stato dell’Universita’ di Alberta (Canada).

Traduzione dell’immagine: Le cellule normali (blu) nel bel mezzo della crescita benigna sono affamate di ossigeno, ma possono sopravvivere con la glicolisi, un modo diverso di fare energia. Nel processo i mitocondri, che contengono il meccanismo di autodistruzione cellulare, si spengono. Questo rende le cellule “immortali” e cancerogene (rosso), così esse continuano a replicarsi e il tumore cresce.
La Glicolisi genera anche l’acido lattico che permette al cancro di mangiare cellule attraverso il tessuto, e formare tumori secondari in altre parti del corpo. Un farmaco chiamato dicloroacetato rimette in funzione i mitocondri nelle cellule tumorali (blu) in modo che esse fermino la glicolisi e inizino a produrre energia di nuovo dai mitocondri. Il meccanismo di autodistruzione è quindi attivato, e le cellule avvizziscono e muoiono (marrone).

By Corrado Penna – Fonte originale: hubpages.com / Traduzione a cura di: Marica Esposito– Tratto da ecplanet.com

vedi anche: Cura metabolica (importante) + Cura del ricercatore G. Puccio + Ascorbato di Potassio e Ribosio per il Cancro + Cura del Limone e dell’Uva + Aloe Vera + Altre cure + Nutriterapia Biologica Metabolica

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La terapia ortomolecolare integrata del dottor Nieper per la cura dei tumori: intervista al dottor Massimo Bonucci.
Il dottor Hans A. Nieper, medico oncologo tedesco prematuramente scomparso nel 1998, è stato presidente della Società tedesca di oncologia medica e primario di medicina interna alla Paracelsus Klinik di Hannover in Germania. Nel corso della sua lunga pratica medica, ha messo a punto un protocollo terapeutico contro il cancro basato sull’utilizzo di vitamine e minerali con il quale ha ottenuto
risultati interessanti.
Abbiamo intervistato quello che è stato un suo collaboratore italiano per un quindicennio, il dottor Massimo Bonucci, che tuttora porta avanti la ricerca del dottor Nieper, che ha ampliato e integrato con nuove scoperte.

Il dottor Nieper ha condotto una vita all’insegna della ricerca medica in oncologia e ha messo a punto un metodo di terapia ortomolecolare che si è rivelato nelle sue applicazioni di particolare interesse ed efficacia. Lei che è stato un suo stretto collaboratore e quotidianamente nel suo lavoro di oncologo porta avanti questo metodo.
Vi ringrazio molto dell’opportunità che mi è concessa di parlare di una delle persone a cui devo la mia conoscenza dell’oncologia integrata.
Una delle peculiarità della figura del dottor Nieper è stata la voglia di aiutare le persone ammalate, che lo ha portato a valutare la natura come un mezzo importante nella battaglia contro la neoplasia.

Qual è la teoria alla base dello sviluppo del cancro secondo il dottor Nieper ?
La neoplasia è una malattia multifattoriale, il nostro corpo combatte con cellule alterate. Un buon sistema immunitario può distruggerle prima che queste si moltiplichino. Purtroppo non sempre il nostro sistema immunitario riesce a distruggere tutte le anormalità del nostro corpo.
Ci sono molti fattori che influenzano il sistema immunitario: fattori ambientali, dieta, ereditarietà, stress: tutti questi fattori influenzano negativamente il sistema immunitario, tutte le barriere protettive del nostro corpo. Ecco che la neoplasia non deve essere considerata come alterazione di una cellula, ma di tutto l’organismo.

Secondo lei, quali sono le sostanze che caratterizzano maggiormente la terapia in questione? Quale efficacia reale esse hanno e per quali tipi di cancro ? Ci sono dati in merito ?
Esistono molte sostanze che ci aiutano nella lotta: tra le più importanti ci sono quelle che modulano i messaggi genetici (chiamate da Nieper, sostanze gene-riparatrici), sono estratti di piante carnivore, come la Dionea, piante donatrici di aldeidi (sostanze liposolubili), come le mandorle, la valeriana imalayana o estratti da formiche, le iridodiadi, o come estratti dallo squalene, che si trova anche nell’olio di oliva, o come le oncostatine (sostanze enzimaticheche ripristinano l’azione dei geni alterati).

Tutte queste sostanze sono state utilizzate per decenni, dal dottor Nieper e da molti altri colleghi, fra cui io, con risultati veramente soddisfacenti. Sono state utilizzate per tutti i tipi di tumore, anche se alcune sostanze sono specifiche per certi tipi di tumore (si prenda l’esempio delle oncostatine che vengono utilizzate principalmente per malattie linfoproliferative ed ematologiche).
Esistono numerose pubblicazioni di risultati (fatti dal dottor Nieper in lingua inglese e tedesca), tutte rintracciabili su PUBMED.

Oggi il trattamento del dottr Nieper è sempre il medesimo o è stato perfezionato ? Quali sono le nuove sostanze naturali che lei utilizza e come è arrivato a scoprirne i benefici ?
Oggi il trattamento antitumorale si è arricchito di nuove sostanze: lactoferrina, resveratrolo, curcuma, inositolo, EGCG, sulforafano, vischio, per citarne solo alcuni.
Le nuove sostanze hanno anche valenza scientifica, sappiano perfettamente la loro azione, le loro vie di metabolizzazione, quali benefici possano dare. Il loro uso quotidiano in combinazione con le terapie standard è la conferma della loro efficacia, non considerando il beneficio ed il benessere dei pazienti.

Ci sono strutture sanitarie e ospedaliere in Italia dove è possibile seguire questo tipo di approccio curativo ?
Purtroppo in Italia la medicina integrata non riscuote molto successo, non certo nei pazienti, quanto nella classe medica, soprattutto per uno scetticismo di base legato alla cultura dell’evidenza clinica pubblicata. In questo caso però, mi permetto di dirlo, non è colpa nostra, se la stessa non legge riviste scientifiche adeguate dove sono riportati i molteplici studi scientifici osservazionali, di fase 1 e 2 (ovvero trials clinici), dove sono ampiamente evidenziati i risultati positivi.

Lei organizza da qualche anno dei convegni sull’oncologia integrata in sedi istituzionali, anche di elevata importanza, come la Camera dei deputati. Ci potrebbe spiegare l’intento di questo impegno ? Io organizzo già da due anni congressi internazionali dove vengono riportati studi di ricerca, trattamento e casi clinici trattati con la terapia integrata. È nata un’associazione che promuove detti incontri: la A.R.T.O.I.
L’intento dell’associazione è quello di educare i medici a conoscere l’integrazione, e i pazienti a comprendere i benefici, ma anche i limiti, delle sostanze naturali.
Il nostro obiettivo ed impegno è quello di aiutare il paziente a stare meglio e combattere con maggior vigore, nella consapevolezza della propria malattia.

Secondo lei, come mai, nonostante i risultati che la medicina ortomolecolare può in un certo senso garantire ai pazienti malati di cancro, stenta a decollare in ambito medico questa consapevolezza? Lei
cosa auspicherebbe ?
Il problema è culturale in primis, ovvero non conoscendo le proprietà di molte sostanze naturali si ritiene una perdita di tempo l’utilizzo delle stesse. Ma è anche un problema economico, perché molte sostanze
naturali non sono brevettabili, e quindi non ci sono risvolti economici, e pertanto interesse, a sviluppare studi su farmaci che non possono essere “patentati” ed esclusivi di una casa farmaceutica. Io spero vivamente che si riesca a comprendere che la malattia è un problema della comunità e la sua risoluzione rappresenta un minor costo per tutti noi.

Associazione A.R.T.O.I. (Associazione Ricerca Terapie Oncologiche Integrate) A.R.T.O.I. è una Associazione senza fini di lucro, Organizzazione professionale multidisciplinare, dedicata allo studio, ricerca ed applicazione di trattamenti oncologici attraverso l’uso integrato di più opzioni terapeutiche.
Ciascuna opzione richiede prodotti naturali e botanici, nutrizione, agopuntura, terapia mente-corpo ed altre modalità complementari.
ARTOI ha come primo obbiettivo la cura del paziente con una patologia, non la patologia.
ARTOI ha la missione di educare professionisti oncologi, medici, personale sanitario all’uso della terapia integrata e la sua validità scientifica.

Associazione Ricerca Terapie Oncologiche Integrate – Presidente: Dottor Massimo Bonucci – Spec. Anatomia Patologica, Spec. Oncologia Medica info@artoi.it

By dott. Massimo Bonucci, è nato a Viterbo e si è laureato in Medicina all’Università di Pisa nel 1986. Direttore Patologia Clinica ed Anatomia Patologica Casa di Cura San Feliciano.
Specialista in Anatomia Patologica e in Oncologia Medica, è docente in Corsi e Master Universitari all’Università di Milano e all’Università di Chieti.
È Board and Advisor della “Foundation for Collaborative Medicine and Research” Connecticut (USA).

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ALOE: Padre Romano Zago: http://aloearborescens.tripod.com/studi.htm
http://aloearborescens.tripod.com/biblio.htm

CARCTOL: Rosy Daniel http://salute.tio.ch/common_includes/pagine_comuni/articolo_interna.asp?idarticolo=181749
ricerca con parole ‘carctol’:
http://www.dogpile.com/info.dogpl.toolbar/search/web/Rosy%2BDaniel%2Bcarctol%2Btumori
http://www.dogpile.com/info.dogpl.toolbar/search/web/Rosy%2BDaniel%2Bcarctol + http://www.tio.ch

CELLADAM

CLARK: www.drclark.ch

CRUDISMO: W.Lsckner: http://members.yline.com/~naturpur
http://members.yline.com/~naturpur/textverzeichnis.html
http://members.yline.com/~naturpur/drgerson.html
http://members.yline.com/~naturpur/gersontexte.html

Guy-Claude Burger: http://www.aerrepici.org/Istintoterapia.htm
http://www.dogpile.com/info.dogpl.toolbar/search/web/raw%2Bfood%2Bhealth
http://wholehealth.homestead.com/raw.html
http://www.panix.com/~paleodiet

GERSON: http://www.gerson.org/med_professionals/htblicensed.asp – http://www.gerson.org/g_therapy/default.asp

HAMER: www.nuovamedicina.com – e- www.pilhar.com

HASSING e KREMER: http://perso.wanadoo.fr/sidasante/critique/kremer.htm

KOUSMINE: http://www.kousmine.com/les2.htm + http://www.metodokousmine.it

ISSELS: http://www.issels.com/centers.asp

NACCI: http://www.lecurenaturali.com (sito chiuso) – 1000 piante_cancro.pdf

PANTELLINI:http://www.mednat.org/cure_natur/ascorb_potassio.htm

PUCCIO: http://www.mednat.org/cancro/puccio.htm

RAPHAEL Fondazione:http://www.dogpile.com/info.dogpl.toolbar/search/web/fondazione%2Braphael
http://users.ticino.com/med/

RATH: http://www4.dr-rath-foundation.org/THE_FOUNDATION/About_Dr_Matthias_Rath/scientific_publications.htm

Sangre de Grado (Peru): http://www.biopark.org/peru/sangredegrado.html

SIMONCINI:http://www.curenaturalicancro.org + http://www.mednat.org/cancro/basica.htm +
http://www.mednat.org/cure_natur/bicarbonato_sodio.htm

SIMONTON: www.simonton.ch

PAULING Cameron Hoffer: http://www.islandnet.com/~hoffer/
http://members.aol.com/pbchowka/hoffer.html

UKRIN www.ukrin.com

Commento NdR: anche se rispettiamo ed indichiamo alcune delle possibili terapie naturali per ogni “malattia”, anche perche’ le reazioni ad ogni tipo di terapia sono diverse da soggetto a soggetto, vogliamo ricordare che anche il cancro come qualsiasi altra malattia nasce in “luoghi” ben precisi e quindi ogni sintomo-malattia ha le sue Cause, con Cause secondarie e terziarie.
Leggere la tesi su Cancro e Medicina Naturale
vedi anche e sopra tutto per il Cancro: Protocollo della Salute 3 + Cancro
vedi: Parte del libro di Bonifacio – 40 casi di guarigione + Come fare i clisteri di acqua basica

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ESEMPIO di CURA ALTERNATIVA per un CANCRO della PELLE
Un’esperienza personale del dr. Mario Rizzi (non medico).
Qualche mese fa ho deciso di eliminare un piccolo, ma brutto tumore della pelle, di circa 8 mm di diametro, situato a circa 4 cm destra del mio ombelico.

In base agli studi fatti, con special riguardo a quanto espresso dai dottori Simoncini e Kremer, ho fatto una verifica radiestesica sul piccolo tumore della pelle, scoprendo in tal modo che il pH del citoplasma delle cellule era OK, mentre quello del nucleo notevolmente più acido del normale. Ho seguito la procedura che segue, ottenendo, nel giro di tre settimane, l’eliminazione completa del tumore.

Procedura diagnostico/terapeutica

– 1. Ho caricato il pendolo radiestesico con le radiazione emesse dal tumore che, in questo caso, fungeva da testimone.
– 2. Ho verificato il pH cellulare del tumore: citoplasma normale, nucleo molto acido.
– 3. Ho cercato, mediante la Radiestesia Medica, qualcosa che rimettesse a posta il pH del nucleo, ho trovato lo zenzero,
– 4. Ho fatto una pomata in parti uguali di crema Nivea e zenzero.
– 5. Con detta pomata ho iniziato a trattare la superficie del tumore più volte al giorno. Un controllo fatto dopo 3 giorni mi ha confermato che la pomata aveva ripristinato il pH del nucleo delle cellule per uno strato di circa 1 mm partendo dalla superficie.
– 6. Dopo circa 20 giorni il pH del nucleo di tutte le cellule del tumore era Ok, il tumore si era staccato tutto intorno, era gonfio e cominciava ad emettere una minima quantità di siero e sangue.
– 7. Ho smesso di applicare la pomata e sotto consiglio di mia moglie (di cui ho verificata la validità radiestesicamente) ho iniziato a ungerlo con olio di ricino.
– 8. Nei giorni seguenti il peduncolo centrale, con cui il tumore era attaccato al corpo, si è fatto sempre più piccolo fintanto che, dopo alcuni giorni, si è staccato.
– 9. Dopo tre settimane del tumore non era rimasta traccia alcuna.

Qui sotto si può seguire il resoconto fotografico della procedura descritta:
http://tinypic.com/view.php?pic=63iizpi – http://tinypic.com/view.php?pic=4yj6ck2
http://tinypic.com/view.php?pic=62emgsi – http://tinypic.com/view.php?pic=6gttwcy
http://tinypic.com/view.php?pic=6cza6qc

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Artemisia (Assenzio)
Un’antica ricetta del popolo cinese potrebbe essere la chiave per un trattamento anti-cancro non tossico
Due biochimici dell’Università di Washington hanno scoperto nella medicina popolare cinese un rimedio potenzialmente molto promettente nel trattamento del cancro. Il Prof. Henry Lai e il suo assistente Prof. Narendra Singh hanno esaminato la straordinaria efficacia delle proprietà chimiche di un derivato dell’assenzio sulle cellule tumorali del seno. Uno studio menzionato nella nuova edizione del Life Sciences descrive come questa sostanza praticamente uccide entro 16 ore tutte le cellule tumorali del seno umano.
Il Prof. Lai dice: “si direbbe che non solo funzioni ma lo fa selettivamente”. E aggiunge: “E’ altamente tossico per le cellule tumorali del seno, ma a quelle normali ha solo un effetto negligente.”

La combinazione Artemisinin, non è niente di nuovo, a quanto pare veniva usata già migliaia d’anni fa, estraendola dalla pianta Artemisia annua L., comunemente conosciuto come Assenzio, in modo da combattere la malaria. Con il tempo questo trattamento è andato nel dimenticatoio.
Venne riportato alla luce negli anni settanta, ricercando antiche ricette contro la malaria, e attualmente il suo uso è diffuso in Asia e in Africa per combattere le malattie trasmesse dalle zanzare.

La combinazione aiuta a tenere sotto controllo la malaria, dato che reagisce con l’alto contenuto di ferro nei parassiti della malaria. Quando l’Artemisinin è a contatto con il ferro, avviene una reazione chimica, la quale libera delle particelle cariche, denominate “radicali liberi”.
Questi attaccano la membrana delle cellule, distruggendola in modo che i singoli parassiti muoiono. E’ da circa sette anni che il Prof. Lai sostiene che questo procedimento dovrebbe funzionare anche con le cellule tumorali.

Il prof. Lai spiega: “le cellule cancerogene necessitano di tanto ferro per la riproduzione del DNA nella divisione cellulare”. Aggiunge: “ Per questo motivo, la concentrazione di ferro è più elevata nelle cellule tumorali che in quelle normali. Quando abbiamo iniziato a capire il funzionamento del Artemisinin, mi sono chiesto, se potevamo usare questa conoscenza per sconfiggere le cellule tumorali.” Lai ha sviluppato un metodo possibile e ha cercato degli sponsor.
Alla fine è riuscito ad ottenere un sostegno finanziario dall’Associazione Cancro al Seno di San Francisco. Intanto, l’Università di Washington ha brevettato le sue idee.

Le idee secondo Lai e Singh consistono nel sovraccaricare le cellule tumorali con del ferro, in modo da poterle poi uccidere selettivamente con l’Artemisinin. Onde poter accumulare più ferro possibile, era necessario avere un gran numero di recettori di transferrina, i quali facilitano l’entrata di ferro nelle cellule. Le cellule tumorali del seno non fanno eccezione. Hanno 15 volte più recettori di transferrina che le cellule normali.

Nello studio preliminare, i ricercatori esponevano sia le colture delle cellule tumorali del seno che quelle normali, all’olotransferrina ( lega con i recettori di transferrina in modo da trasportare il ferro alle cellule), al diidroartemisinin (una variante dell’artemisinin idrosolubile), ed a una combinazione delle due.
Esposte a una sola sostanza, l’effetto era nullo, esposte a due sostanze l’effetto era leggero.
A quelle esposte prima all’olotransferrina e poi al diidroartemisinin, l’effetto era invece notevole. Solo il 25% delle cellule cancerogene erano rimaste dopo 8 ore.
Invece, dopo 16 ore dall’esposizione, la maggioranza delle cellule cancerogene erano state eliminate.

Uno studio precedente inerente le cellule della leucemia ha ottenuto dei risultati ancora più sorprendenti. Entro 8 ore, la maggioranza delle cellule cancerogene erano state eliminate.
Una possibile spiegazione potrebbe essere l’alta concentrazione di ferro nelle cellule della leucemia. “Hanno la più alta concentrazione di tutte le cellule cancerogene”, spiega Lai. “ Le cellule della leucemia possono contenere 1000 volte più ferro delle cellule normali.

Il prossimo passo sarà l’esperimento sugli animali. In misure minime, questi esami sono già stati eseguiti. In uno studio precedente, un cane con un cancro alle ossa, in una misura tale che impediva al cane di camminare, ha avuto una guarigione completa entro cinque giorni. Comunque, degli studi più profondi andrebbero eseguiti.

Se questo procedimento adempirà le aspettative, rivoluzionerà il trattamento di alcuni tipi di cancro, dice Lai. La meta sarebbe di arrivare ad un trattamento che si possa fare a casa e per via orale.
Lai dice: “Sarebbe molto facile e le nostre ricerche potrebbero consentirlo” .
Un altro vantaggio sarebbero i costi – un prezzo molto a buon mercato di $ 2 per dosaggio. E grazie alle migliaia di persone che hanno già provato l’Artemisinin per il trattamento contro la malaria, possiamo dire che abbiamo abbastanza prove per dimostrare che l’Artemisinin è senza effetti collaterali.” Qualunque cosa succeda, una parte della lode va ai naturopati sconosciuti di altri tempi . “ La cosa più straordinaria, è che i cinesi l’avevano adoperato già dai tempi remoti”, dice Lai. “ Noi gli abbiamo solo dato una nuova applicazione”.
Tratto da: http://www.drclarkinfocenter.com/ita/products_devices/vitamins/wormwood.php
Parte del libro di Bonifacio – 40 casi di guarigione
Visionate il libro di Giorgio Bogoni: “La verita’ che il tuo oncologo non puo’ dirti”

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Onde di tutti i tipi per bruciare i tumori senza usare il bisturi – 6 giugno 2013
Operare un tumore «cuocendolo» con il calore delle onde elettromagnetiche. Senza cicatrici, con costi e ricoveri molto ridotti.
È possibile grazie all’oncologia interventistica, un settore giovanissimo della medicina (gli albori della disciplina risalgono ad appena una trentina d’anni fa, nella pratica clinica è arrivata di fatto da poco più di dieci anni) su cui l’Italia ha scommesso fin dall’inizio, quando nel resto del mondo pochi ci credevano. Non a caso, proprio nel nostro Paese, a Cernobbio, si è appena concluso il più importante evento mondiale sul tema, l’Interventional Oncology Sans Frontiéres Congress: obiettivo, fare il punto sulle tecniche in uso e i risultati ottenuti a oggi, ma anche stilare linee guida condivise e capire quali saranno le prospettive del prossimo futuro, visto che, stando agli esperti, si tratta di un’area della medicina con notevoli potenzialità, oltre che di un settore in cui negli ultimi anni si è investito molto.

Tutto è iniziato quando, negli anni ’80, i medici pensarono di provare a eliminare il cancro portando un «killer» fin dentro il tumore, senza toccare i tessuti sani intorno. Per i primi tentativi fu scelto l’alcool assoluto, che uccide i tessuti distruggendo l’endotelio che riveste i vasi sanguigni e provocando trombosi dei piccoli vasi: veniva iniettato nelle masse tumorali con semplici aghi, ma non era sempre un valido «sicario», come racconta Luigi Solbiati, organizzatore del congresso di Cernobbio e Direttore della Radiologia Interventistica Oncologica dell’Azienda Ospedaliera di Busto Arsizio:

«Sui piccoli epatocarcinomi (tumori nel fegato, ndr) funziona perché il tumore ha una capsula che trattiene l’alcool al suo interno ed è anche ricco di vasi sanguigni; però su tutti gli altri tumori, che non hanno queste caratteristiche, l’alcoolizzazione non è efficace. Così, negli anni ’90 si pensò di provare con il calore della radiofrequenza, già usato per eliminare cellule cardiache da cui originano alcune aritmie o per trattare piccoli focolai di epilessia nel cervello».
Il concetto è semplice: una sonda-elettrodo si inserisce nel tumore ed emette una radiofrequenza che, a contatto con il tessuto tumorale, produce un calore molto elevato, fino a cuocere, letteralmente, le cellule circostanti, uccidendole. Poco più lontano l’effetto è pari a zero, per cui i tessuti sani vengono risparmiati. «All’inizio riuscivamo a trattare lesioni minime, ma in pochi anni siamo passati dall’eliminare noduli del diametro di un centimetro a trattare lesioni di 4-5 centimetri — racconta Solbiati —. Negli ultimi 10 anni l’esperienza è aumentata tantissimo in tutto il mondo. Nel caso dell’epatocarcinoma i pazienti trattati sono già decine di migliaia e la termoablazione con radiofrequenza è ufficialmente inserita fra le terapie da praticare nelle linee guida di molte società scientifiche».

L’oncologia interventistica, grazie anche a metodi più potenti della radiofrequenza, come le microonde e la crioablazione, viene ormai ampiamente utilizzata per il trattamento mini-invasivo di metastasi epatiche (se sono localizzate solo al fegato, in numero limitato, di diametro non superiore a 3-4 cm e in caso di scarsa o assente risposta alla chemioterapia), per tumori del rene entro i tre centimetri e, nel polmone, per tumori primitivi e metastasi di piccole dimensioni. Esistono poi numerosi campi in cui l’impiego è promettente e sempre più frequente.

«Per decidere se l’oncologia interventistica può essere utile nel singolo caso bisogna considerare però diversi parametri, partendo da caratteristiche e dimensioni del tumore — spiega Solbiati —. Se, infatti, la lesione è inferiore ai due centimetri, la probabilità di successo (ovvero di un’eliminazione completa, definita come la non-ricrescita ad un anno di distanza dal trattamento) è attorno al 95%; la percentuale scende gradualmente all’aumentare della dimensione, e al di sopra dei cinque centimetri i risultati sono scarsi. Anche il numero di noduli da eliminare conta: se nello stesso organo ce ne sono 4-5 piccoli il trattamento può essere eseguito, ma la terapia è sconsigliabile se i bersagli sono più grandi e numerosi.

Da considerare c’è inoltre il rapporto della neoplasia con i tessuti circostanti: se il tumore sporge verso zone che potrebbero essere danneggiate dal calore è preferibile evitare l’ablazione. Meglio ricorrere a un altro metodo anche se il paziente ha caratteristiche che lo mettono a rischio, come una cirrosi avanzata che potrebbe peggiorare con il trattamento, o disturbi della coagulazione, perché in caso di emorragia interna potrebbe essere difficile eseguire un intervento riparativo.

L’oncologia interventistica può sembrare semplice, ma va usata secondo indicazioni precise: non può essere utilizzata sempre, altrimenti si rischia di non ottenere risultati validi ed esporre il paziente a gravi rischi».

Fondamentale è anche l’esperienza di chi interviene, per ridurre il pericolo di danneggiare tessuti e organi vicini: in Italia i Centri dove viene praticata l’oncologia interventistica sono ormai moltissimi, ma è essenziale rivolgersi a strutture che abbiano una casistica numerosa e in cui siano disponibili tutte le metodiche, per poter scegliere l’opzione terapeutica più adatta a ciascuno.

«Questa branca della medicina, essendo ad altissima componente tecnologica, richiede investimenti consistenti per aggiornare gli strumenti: ha senso perciò concentrare gli sforzi solo su alcuni centri di riferimento — interviene Franco Orsi, direttore dell’Unità di Radiologia Interventistica dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano —. Altrettanto importante, far sì che il radiologo interventista non sia un mero esecutore che interviene sul paziente senza averlo visto prima e senza seguirlo dopo: per avere i migliori risultati tutte le fasi della terapia vanno valutate assieme al chirurgo e all’oncologo. Purtroppo spesso arrivano da noi pazienti che non hanno più nè aspettative di cura né altre opzioni di trattamento possibili, a cui serve solo la palliazione del dolore in una fase avanzata di malattia: in realtà, con gli strumenti diagnostici attuali è e sarà sempre più semplice individuare i tumori piccoli, a uno stadio iniziale, in cui potrebbe essere vantaggioso questo approccio».

Tutto ciò sarebbe utile anche in termini di costi, visto che per un’ablazione con radiofrequenza occorrono 1000-1200 euro di materiali e in genere basta un ricovero di una notte. Il bisturi, tuttavia, sottolineano gli esperti, continuerà a essere indispensabile per tanti malati; l’importante è che cominci a diffondersi la consapevolezza che, a volte, si può intervenire anche in questo modo con efficacia. «In molti casi — osserva Orsi — dovremmo poter tentare prima la strada del l’oncologia interventistica, e solo quando questa non dovesse bastare, passare alla chirurgia, invece dell’inverso».
By Elena Meli – Tratto da: corriere.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Diagnosi precoce di tutte le malattie importanti, specie quelle degenerative, tipo ilCancro
Per difendere la tua vita e quella dei tuoi cari, basta poco.
E ‘ confermato che il test dell’acido tiodiglicolico nelle urine si può eseguire dal giorno 15 settembre a Palermo presso il Policlinico di Palermo dell’Università degli Studi: 091.6553167 al costo di € 40
(L’acido tiodiglicolico è un prodotto fisiologico del metabolismo umano. Un innalzamento dei livelli urinari di tale metabolita sono un indice dello squilibrio dell’attività ossido-riduduttivadella cellula (stress ossidativo).
L’acido tiodiglicolico si forma da diversi pathway metabolici: ad esempio è coinvolto nel pathway ossidativo della creatina che coinvolge le vitamine B2, B6, il tetraidrofolato, il glutatione e l’urea).

Non è un test di condanna a morte, ma un test preventivo, una prevenzione per monitorare tutto il sistema antiossidante.
Questo permetterà di evitare che l’organismo possa andare in stress ossidativo e quindi in patologia degenerativa.

E’ consigliato principalmente a tutte le persone anziane, e prima di fare qualsiasi vaccino;

A tutte le persone che hanno problemi cardiaci e problemi all’apparato digerente. Tutte le persone che hanno vissuto e vivono in ambienti inquinati.
Se l’esame risulta positivo (presenza della molecola) il dato va trasmesso per ora alla Associazione per la ricerca scientifica “emmanuele”: e- mail emmanuele.ars@hotmail.it che gratuitamente ti indicherà una terapia integrante per eliminare la causa.
In tutti i casi riusciamo sempre a tirare fuori la gente da questa situazione.
Perchè Palermo e Bergamo soltanto ? perche’ vi sono resistenze da parte degli enti ufficiali, affinche’ non si cambino gli attuali protocolli del Ministero della “sanita’ “, che e’ legato a filo doppio con Big Pharma…
Questa mia scoperta e del 1998 (relazione scientifica firmata da tanti scienziati e da direttori di compartimento dell’Università di Palermo) osteggiata da tutti per i motivi che potete immaginare. Ci vorrà molto tempo per divulgarla e farla applicare ovunque.

La Seria RICERCA sul CANCRO (ostacolata dall’Oncologia ufficiale) – vedi anche:Ascorbato di Potassio

Commento NdR: anche se rispettiamo ed indichiamo in questo portale, tutte le possibili terapie naturali per ogni malattia, anche perche’ le reazioni ad ogni tipo di terapia sono diverse da soggetto a soggetto, vogliamo ricordare che anche il cancro come qualsiasi altra malattia nasce in “luoghi” ben precisi e quindi ogni malattia ha le sue Cause, con Cause secondarie e terziarie.

IMPORTANTE:
Come Portale segnaliamo vari personaggi che hanno avuto contrasti con le autorita’ mediche, e per essere precisi, affermiamo che NON condividiamo in toto le loro terapie (quelle monoterapeutiche), in quanto per noi, seguaci della Medicina Naturale lamalattia (cancro compreso) e’ MULTIFATTORIALE, quindi NESSUN prodotto puo’, da solo, guarire dalla malattia della quale si e’ malati !

L’acidosi e’ la base fisiologica del Cancro – Il Conflitto Spirituale Irrisolto, ne e’ la Causa primaria
Cancro = Combattere l’acidita’ per sconfiggerlo – Le ultime ricerche
Nutriterapia Biologica Metabolica x il Cancro e non solo + Terapia Biologica Metabolica CRAP + Cura metabolica per il Cancro + Stress Ossidativo +PREVENZIONE, TERAPIA per il Cancro, perche’ NON si vuole applicare ? + Terreno Oncologico + Bioelettronica + Semeiotica e Biofisica

Documenti provanti l’indispensabilita’ delle Vitamine della Frutta e verdura, oltre aisali minerali:
Doc.1 + Doc.2 + Doc.3 + Doc.4 + Doc.5 + Doc.6 + Doc.7 + Doc.8 + Doc.9 + Doc.10 + Doc.11 + Doc.12 + Doc.13 + Doc.14 + Doc.15 + Doc.16 + Doc.17 + Doc.18 + Doc.19 + Doc.20 + Doc.21 + Doc.22 + Doc.23 + Doc.24 + Doc.61

vedi anche: CURE Naturali del Cancro + Documentazione + Protocollo G. Puccio + Diritti negati + Ricercatore ostacolato dalla Oncologia Ufficiale + Giornale di Sicilia + Come fare i clisteri di acqua basica + Cancro e Medicina Naturale + 1.000 Piante per il Cancro + Libro del dott. Nacci (Italiano) + Libro del dott. Nacci in Inglese + Condiloma eliminato con acqua basica al Bicarbonato di Sodio + Protocollo della Salute + Cancro + Diagnosi precoce

RICERCA Parole nel SITO
HOME
BACK

Marcello Pamio – tratto da “Cancro Spa: leggere attentamente le avvertenze”

[1] Medicina kaput col mito del placebo?, Luigi De Marchiwww.luigidemarchi.it/innovazioni/educazione/articoli/01_medicinakaput.html
[2] Idem
[3] Conferenza “Medicalizzazione della vita e comunicazione sanitaria” del Dottor Gianfranco Domenighetti – già Direttore sanitario del Canton Ticino – tenuta il 22 novembre 2008 al VIII° Congresso nazionale di medicina omeopatica di Verona.
[4] “Approccio metodologico all’omeopatia”, Dottor Roberto Gava, farmacologo e tossicologo, ed. Salus Infirmorum, Padova
[5] “Il tradimento della medicina”, Alberto Mondini
[6] Idem
[7] Idem
[8] Per mutageno si intende ogni agente chimico o fisico che agisce sui cromosomi alterandone l’informazione genetica. Per cancerogeno si intende ogni sostanza capace di produrre il cancro.
[9] Gli alchilanti agiscono direttamente sul DNA di qualsiasi tipo di cellula senza specificità. Possono intervenire sulle basi del DNA oppure rompendo l’intera molecola di DNA o ancora bloccando la trascrizione o la duplicazione. L’azione principale di un alchilante consiste però nel formare un legame trasversale tra due eliche complementari di DNA che porta alla rottura della catena polinucleotidica. Quindi, il DNA viene danneggiato e non è più in grado di duplicarsi e completare la sintesi proteica.
[10] “Mostarde azotate”, “Emergenze”, tratto dal sito del Ministero della Salute
http://uc6.asimantova.it/index.php?option=com_content&task=view&id=312&Itemid=54
By Marcello Pamio – tratto da “Cancro Spa” – Tratto da: stampa libera.it

http://www.mednat.org/cancro/altre_cure.htm

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

LA VIA DEL RISVEGLIO

La via del risveglio luce

LA VIA DEL RISVEGLIO

Intraprendere ed iniziare un percorso di crescita personale è una decisione che la persona prende, seguendo la “voce” dello spirito, che vuole far sì che la persona diventi libera e acquisisca la consapevolezza necessaria per la sua evoluzione.

La persona che decide di iniziare un percorso di evoluzione, sceglie quello a lei più confacente e conveniente in quel momento, poi sta alla persona proseguire per onorare l’impegno preso con se stesso.

Avviene allo stesso modo, ogni volta che si prende una decisione, anche banale, come, per esempio, la decisione di andare in vacanza, oppure di uscire a mangiare una pizza.

Presa la decisione di andare in vacanza, poi si sceglie il luogo, oppure, deciso di andare a mangiare una pizza, si sceglie la pizzeria.

Ma non finisce qui, perché poi si dovrà raggiungere il luogo scelto dopo essersi preparati.

Quando la persona ha deciso di intraprendere un cammino e scelto quale cammino percorrere, dovrà portare a termine l’impegno preso esattamente come per la vacanza o per la pizza.

La sequenza è più o meno la seguente:
dopo aver scelto il luogo della vacanza o la pizzeria, ci si prepara per raggiungere quel luogo.
Quindi, le valigie, per esempio, una volta preparate si caricano in macchina e poi si parte, fino a raggiungere la meta stabilita.

Per il percorso di crescita personale il “preparare le valigie” e salire in macchina per raggiungere la meta, equivale a conseguire un primo livello del percorso scelto…
e fermarsi al primo livello, equivale a fermarsi a metà strada dalla meta stabilita per la vacanza, per esempio in un autogrill.

Onorare l’impegno preso con sé stesso, equivale a raggiungere il luogo scelto e completare, raggiungere lo scopo, l’obiettivo prestabilito, altrimenti la persona rimarrà sempre a metà strada, in “autogrill”, senza mai “godersi la vacanza”.

Mi resta solo di augurare Buon viaggio a tutti😊 e soprattutto di raggiungere la meta ad ogni costo, anche se qualcosa ti frena… continua e raggiungi la vetta più ambita dell’essere umano.

Un abbraccio 🙏
Stefano Davide

Posted in Senza categoria | Leave a comment

A LUGLIO TORNA IL SEMINARIO “CRISTALLOTERAPIA LUCE”

Cristalloterapia

FINALMENTE TORNA IL SEMINARIO  “CRISTALLOTERAPIA LUCE” A LEGNANO (MI)… IL 01 LUGLIO 2017

 

ALCUNE CONDIVISIONI E TESTIMONIANZE DELLE PERSONE CHE HANNO PARTECIPATO AI SEMINARI
“CRISTALLOTERAPIA LUCE”

Cristalloterapia legnano

“Esperienza unica e molto intensa. Decisamente importante e utile per risvegliare e sentire la propria energia interiore. Un ringraziamento particolare al Master Davide per la sua pazienza e devozione.”          Sara Nardini – Rescaldina (MI) 

“Ottima esperienza, mi è servita per liberarmi di macigni presenti nel mio subconscio ed è stata utile per prendere confidenza con strumenti che mi servono per una conferma dell’energia presente negli oggetti e nel nostro corpo.”      Gabriella Muriglio – Cuggiono (MI) 

“Esperienza fantastica, come sempre è un piacere conoscere nuove discipline, soprattutto con un compagno di viaggio come Stefano Davide, dotato di un’infinita pazienza e di una gioia immensa per tutto quello che fa! Grazie!”          Giulia Marta Scaglia – Malnate (VA)

“Sono molto soddisfatto. Bellissima esperienza, molto costruttiva e istruttiva.”        Lorenzo Vanzaghi – Cuggiono (MI)

“Quando la coscienza si espande tutto diventa meraviglioso! Esperienza sicuramente costruttiva. Grazie!”          Antonella Sibella – Lecco

“Una nuova ed entusiasmante esperienza. Ho appreso nuove tecniche di guarigione. Grazie!”       Adriano Rossini – Nerviano (MI)  

“Sono felice di aver partecipato e consiglio a tutti questa bellissima esperienza.”          Adriana Murace – Busto Arsizio (VA) 

SEMINARIO CRISTALLOTERAPIA LEGNANO - MI

SEMINARIO CRISTALLOTERAPIA LEGNANO – MI

“È stata un’esperienza molto positiva e bella, l’ambiente accogliente e rilassante. Da ripetere e consigliare!”                Massimo Vecchi  – Poggio Renatico (FE)

“Il corso ha soddisfatto le mie aspettative. Esperienza molto intensa. Esercizi importanti e coinvolgenti.”      Dario Boccuni – Rescaldina (MI)

“Ennesima esperienza positiva. Provate sensazioni piacevoli ed estremamente rilassanti. Ho imparato e preso dimestichezza con i Cristalli con potenti proprietà. Consiglio a tutti questo seminario per scoprire nuove tecniche utili a migliorare la vita su ogni aspetto.”             Raffaele Mermina – Rescaldina (MI)

“Contenta di aver partecipato a questo seminario, lo userò per potenziare i miei trattamenti. Grazie!”              Antonella Ruggiero – Bollate (MI)

“Sono soddisfatta della giornata. attratta fortemente dal pendolo. Sono serena e più motivata.”            Lara Dal Busco – Busto Arsizio (VA) 

“È stata un’esperienza bellissima e molto interessante. Ha soddisfatto la mia curiosità.”        Flavia Gardelli – Legnano (MI)

“Il corso è stato molto interessante e mi ha dato modo di conoscere un argomento a cui ero interessata da tempo.”             Monica Vanzaghi – Arconate (MI)

“Esperienza liberatoria… è un passo in più del cammino intrapreso.”        Alessandra Bernini – Ferno (VA)

“Molto bello e interessante. Avrei voluto più tempo per approfondire informazioni sui Cristalli.”   Mirella Cozzi – Nerviano (MI) 

 

PER ISCRIVERTI AL PROSSIMO SEMINARIO A LEGNANO (MI) CLICCA ☞QUI

♥ ♥ ♥

LEGGI LE TESTIMONIANZE E CONDIVISIONI DELLE PERSONE CHE HANNO PARTECIPATO AI SEMINARI “REIKI UNIVERSALE LUCE” PRIMO LIVELLO REIKI LEGNANO OTTOBRE- PARTECIPANTI ATTESTATI

 

 

 

 

 

 

 

 

.

.

 

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

IL NEMICO DELL’ESSERE UMANO…

Paura e coraggio

Poter conoscere il tuo vero nemico significa fare un passo avanti verso la sua sconfitta e il tuo benessere. 

Sai cosa riempie gli ospedali?

Cosa riempie i cimiteri?
Cosa riempie i centri commerciali?
Cosa riempie le carceri?
La paura.

Il “nemico” numero uno degli esseri umani è la paura.

La paura del futuro, la paura del domani
la paura di non farcela, di non essere all’altezza, di non riuscire.

È sempre la paura la causa delle dipendenze …e che rende schiavi, per esempio, del lavoro. Così da portare la persona a rinunciare, anche a cose davvero importanti, che potrebbero creare benessere e felicità, per paura di “perdere” il lavoro.

La paura di non avere abbastanza, di non meritare (derivante dalla convinzione di non meritare: “non valgo, non sono capace”)…
Il tutto tradotto in sfiducia,
mancanza di fiducia.

Mancanza di fiducia in cosa?
Fiducia in se stessi , fiducia nel prossimo e soprattutto mancanza di fiducia nell’universo,
dell’energia universale,
di quell’intelligenza chiamata (anche) Dio.

La paura è ciò che divide.
Divide l’uomo dalla salute, dai suoi fratelli, dalla conoscenza, dalla Verità e dalla Libertà.

Vivere in tempo presente è un buon mezzo per superare le paure, ed è necessario affrontarle, superarle ed eliminarle, così da poter iniziare a vivere…
ad essere finalmente Liberi.

Per eliminare le paure è necessario nutrirsi di Energia pura.
Attraverso il respiro… respirare nel modo corretto permette di incanalare ossigeno, energia pura e vitale che viene trasmessa agli organi, al cervello, ed ossigenando il sangue si nutrono le cellule dell’energia vitale che favorisce l’eliminazione di stati d’animo considerati “negativi”, paure, malesseri e squilibri, riportando gioia e Benessere generale.

Nel prossimo articolo, potrai finalmente conoscere le tecniche per iniziare a respirare nel modo corretto, ad incanalare l’Energia pura e vitale e alcune tecniche Pranayama, utili a migliorare la tua vita.

Vedrai… è facile come respirare! 😉

Ciao… a presto!

Stefano Davide

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , | Leave a comment

IL REGNO DI GHIACCIO…

Il regno di ghiaccio Frozen

Il regno di ghiaccio: Frozen…
il cartone animato realizzato da un Iniziato (forse 😉 )

Ecco la mia chiave di lettura esoterica:

– Anna e Elsa sono la stessa persona, quindi l’individuo che si ritrova a scegliere se ascoltare la parte egoica e la parte più profonda, il Se… con i relativi conflitti, paure e debolezze ed allo stesso tempo riconoscere la propria forza e potere.

– Le varie persone rappresentano il sistema ed i condizionamenti esterni.

– Kristoff ovviamente è la guida, colui che indica e guida, ed espressione dell’amore incondizionato (non a Caso il nome: Cristo-ff)

– Franz rappresenta la parte distruttiva, ciò che crea la divisione, il dualismo, trascinando l’individuo nella sofferenza… quando l’individuo si rende conto di ciò, della vera natura di Franz, avviene un Risveglio

– Olaf: l’effimero creato dall’uomo che può sciogliersi facilmente

– il ghiaccio rappresenta la
mancanza di amore, la paura, ciò che blocca la crescita e lo sviluppo

– infine, l’illuminazione dell’individuo (Anna Elsa) e l’Amore… che scioglie ogni cosa, dubbi e paure, riportando l’armonia, l’olismo, l’equilibrio, l’UNO.

– Sven è l’animale, “bestia”, che serve, aiuta la guida Kristoff nelle sue imprese per ricevere in cambio energia e nutrimento (carote).

Buona visione e… Buon Risveglio!

Stefano Davide
Associazione Olistica Luce Infinita

Posted in Senza categoria | Leave a comment